Eventi

Si lavora qui per ingentilire i cuori: come partecipare

PERNOTTAMENTI AL CAMPO -  Nel campo, che sarà allestito a Bologna presso il Parco Nord, i volontari e le volontarie delle Pubbliche Assistenze potranno pernottare in tende, dalla notte di venerdì 24 maggio a quella di sabato 25 maggio compresa.

Anpas allestirà alcune tende che metterà a disposizione ma che non saranno sufficienti ad ospitare tutti i volontari presenti. Per questo motivo sarà offerta la possibilità, previa autorizzazione, di portare proprie tende da montare e da mettere a disposizione anche di altri volontari. Coloro che pernotteranno al campo dovranno dotarsi di sacco a pelo, torcia e brandina. Nel caso non foste dotati di brandine potrete comunicare le vostre esigenze alla Segreteria nazionale ANPAS per valutare una possibile soluzione.

Vi invitiamo ad inviare 24 aprile 2013 la SCHEDA DI PARTECIPAZIONE AL CAMPO (da scaricare QUI) alla segreteria nazionale Anpas (tel. 055/30.38.21 fax 055/37.50.02 – email:Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. referenti: Benedetta Brugagnoni e Mirco Zanaboni), specificando per ogni nominativo le esigenze richieste (pasti, pernottamento). Per le schede che perverranno oltre tale termine non sarà possibile garantire il pernottamento al campo. Tutte le tende allestite al campo saranno necessariamente da rimuovere al massimo entro domenica 26 maggio.


 

PRENOTAZIONI PASTI Tutti i volontari, anche quelli che pernotteranno in hotel, hanno la possibilità di pranzare e cenare presso il campo di Protezione Civile (Bologna, Parco Nord), dal pranzo di venerdì 24 a quello di sabato 25 maggio. La cena di sabato sarà offerta invece a Mirandola (MO), al termine dell’incontro dei volontari intervenuti nel sisma dello scorso anno.         Grazie all’importante lavoro di ricerca di contributi svolto dal Comitato Regionale Anpas Emilia-Romagna, tutti i pasti distribuiti durante il Meeting (sia a Bologna che a Mirandola) saranno offerti dall’organizzazione. Sarà comunque necessario per le Associazioni prenotare i pasti utilizzando la SCHEDA DI PARTECIPAZIONE AL CAMPO da inviare alla Segreteria nazionale ANPAS entro il 24 aprile.

Al fine di evitare sprechi (coerentemente con l’adesione di Anpas alla strategia Rifiuti Zero) e per permettere la partecipazione dei volontari del numero più ampio di associazioni, vi chiediamo di confermare i pasti effettivamente necessari ed a segnalare prontamente ogni variazione

Le ISCRIZIONI, sia per quanto riguarda i pernottamenti al campo(con tenda propria o di Anpas nazionale) che per quanto riguarda i pasti, sono valide SOLO SE confermate dalla Segreteria di Anpas per scritto


 

PRENOTAZIONI ALBERGHIERE - La gestione delle prenotazioni alberghiere è stata affidata all’agenzia Bologna Congressi Convention and Travel (Tel. 051 6375142 fax 051 6375149 email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. referente: DONATELLA PARIALI) La sistemazione alberghiera è prevista in alberghi di categoria 4 stelle, in una residenza universitaria e nel campeggio adiacente al Parco Nord (tariffe e distanze, dalle sedi del Meeting, sono inserite nella schede di prenotazione). Le prenotazioni potranno essere fatte online, attraverso la sezione specifica del sito www.bolognawelcome.com oppure inviando all’Agenzia la SCHEDA DI PRENOTAZIONE ALBERGHIERA debitamente compilata.

DAL MOMENTO CHE SI TRATTA DI UN PERIODO DI ALTA STAGIONE, PER LA CONCOMITANZA CON UNA FIERA INTERNAZIONALE, INVITIAMO A CONFERMARE QUANTO PRIMA LE PRENOTAZIONI.

LE RICHIESTE SARANNO ESAUDITE SOLO SULLA BASE DELLE DISPONIBILITA’

A ricevimento della scheda compilata, Bologna Congressi CONVENTION AND TRAVEL provvederà all’invio a mezzo fax o e-mail di una proposta di prenotazione con indicate le modalità di pagamento contenente tutti i riferimenti della struttura prenotata. Nella scheda allegata trovate precisate le modalità organizzative per il pagamento e la conferma della prenotazione - Scarica la QUI la scheda di prenotazione 

Si lavora qui per ingentilire i cuori

 


HOME 14°Meeting


Il programma


Logistica: il campo e le prenotazioni alberghiere


Comunicazione #meetanpas

Il blog del meeting


Patrocini e partner

L’iniziativa ha ottenuto l’Alto Patronato del Presidente della Repubblica ed i Patrocini di Regione Emilia-Romagna, Province di Bologna e di Modena e Comuni di Bologna e Mirandola.


 

L'intervento in Emilia

                    

 


0
0
0
s2sdefault

Anche quest'anno Anpas ha concesso il patrocinio alla terza edizione del Festival del Volontariato "Villaggio Solidale" che si terrà a Lucca dall'11 al 14 aprile 2013. 

A Roma la conferenza stampa di lancio per l’edizione 2013 del “Festival del volontariato”A Roma la conferenza stampa di lancio per l’edizione 2013 del “Festival del volontariato”La conferenza stampa nazionale per il lancio del “Festival del volontariato – Villaggio Solidale” (Lucca, 11-14 aprile 2013) si terrà martedì 26 marzo 2013, ore 11, a Palazzo Altieri (Sala degli Arazzi) in Piazza del Gesù 49 (Roma). “Dalla solidarietà riparte l’Italia”. E’ questo il messaggio che arriva dal Festival. I quattro giorni di eventi di – e con – il volontariato italiano.
Il Festival verrà presentato nel corso della conferenza stampa da: Edoardo Patriarca (Presidente del Centro Nazionale per il Volontariato), Giovanni Maria Flick (Presidente Emerito della Corte Costituzionale), Linda Laura Sabbadini (Direttore del Dipartimento delle Statistiche Sociali e Ambientali dell’Istat) e Stefano Cerrato (Coordinatore dei Comitati Territoriali presso Banco Popolare).


Villaggio Solidale è un cantiere aperto alla città. Categorie economiche, amministrazioni locali, associazionismo locale e nazionale saranno protagonisti del progetto in un percorso partecipato che continuerà fino alla vigilia dell’evento. Il Comune di Lucca ha annunciato che il Comune adotterà a breve un protocollo di intesa con il Cnv per rafforzare l’impegno sui temi della solidarietà.

Il protocollo di intesa è stato firmato dal presidente del Cnv Patriarca e dal sindaco di Lucca Alessandro Tambellini e prevede un rafforzamento della collaborazione fra i due enti. In particolare il Cnv e il Comune di Lucca, che ne è socio fondatore ed è rappresentato presso il Comitato di Indirizzo del Cnv dall’assessore Carla Reggiannini, promuoveranno nei prossimi anni iniziative congiunte per la valorizzazione del ruolo e della cultura del volontariato nel territorio comunale e svolgeranno insieme attività periodiche aperte alle cittadinanza sulle evoluzioni del welfare locale. Stretta la collaborazione anche per al co-promozione dell’edizione 2013 di Villaggio Solidale, il Festival del Volontariato, per il quale il Comune metterà a disposizione i propri spazi e un sostegno logistico in fase di definizione.
“Abbiamo scelto di firmare questa intesa -ha dichiarato il sindaco di Lucca Tambellini- in coincidenza con il primo anniversario della scomparsa di Maria Eletta Martini, fondatrice del Cnv e figura di spicco della storia politica lucchese e italiana a cui la Camera dei Deputati ha dedicato un omaggio lo scorso 12 dicembre. Proprio a lei e alla sua memoria per il futuro del Paese -ha aggiunto Tambellini- dedicheremo l’evento di apertura del Festival del Volontariato l’11 aprile. Una rassegna di idee, testimonianze, documenti storici che dimostrano come l’eredità politica e culturale di Maria Eletta Martini sia oggi fondamentale per la rinascita del nostro Paese”.
In coincidenza dell’anniversario della morte della Martini, la famiglia ha voluto che si celebrasse una S. Messa di suffragio e di preghiera aperta a tutti coloro che vorranno partecipare. Si svolgerà sabato 29 dicembre, alle ore 18 nella chiesa di S. Marco.

 

 

Festival del Volontariato

                                  

 

Segui il festival su twitter #FDV13

Il festival su Facebook


Il concorso: Racconta le storie che cambiano l'Italia

 

Racconta le storie che cambiano l'Italia


0
0
0
s2sdefault

Grande partecipazione dei volontari Anpas: oltre 100 foto nella prima settimana!

Ci sono due facce del Natale: quello in cui siamo tutti più buoni, e poi c’è l’altro Natale. Quello di chi è a fianco di chi non passa feste buone, di chi lo passa accanto agli altri, al servizio della propria comunità, delle sue strade, degli argini dei fiumi che si ingrossano e dei muri di neve che si alzano.

 

 

 


#laltronatale è il periodo delle feste, che i volontari delle pubbliche assistenze Anpas (@anpas) insieme alla community di Instagramers italia cercheranno di raccontare dall’8 dicembre al 6 gennaio con  le nottate passate in associazione sperando di non venir chiamati per partire con l’ambulanza, quello della vigilia passata in divisa, quello delle sedi addobbate, quelle dei babbi natali vestiti in arancione che portano i doni ai bambini meno fortunati in tante zone d’Italia.

In questi giorni stiamo vedendo la vita delle associazioni e dei volontari: dalle dolci attese a Pagani, alla speranza che si vive a Pisa per il risveglio di Paola (una volontaria), dai turni di notte, al rifornimento di benzina, dalle esercitazioni agli interventi. Ci sono le sedi provvisorie delle Pubbliche Assistenze colpite in Emilia, l'infreddolimento dei turni di giorno, e poi anche tanta creatività e tante storie che raccontano il movimento Anpas da nord a sud!

Croce Bianca L'Aquila

 

Come fare? Scaricate l'applicazione Instagram sul vostro smartphone, scattate la foto della vostra sede, delle vostre attività natalizie e inserite la scritta #laltronatale @anpas nel commento

E sarà emozionante dare ogni tanto uno sguardo a ciò che stanno facendo e magari cercare di star loro vicini mentre tutti festeggiano.

 

        

 

E chissà che, vedendoli in giro, non vi ci facciate una foto insieme e diventiate volontari anche voi!

 

Guardate la gallery: http://followgram.me/tag/laltronatale

www.anpasnazionale.org

instagram @anpas

 

Rassegna

Su Comunicare il Sociale (CorSera)

Instagramers Italia

Vita e Shoot4change

Robadamatti

 

"There are two faces of Christmas: the one in which we are all better, and then there's another Christmas. Christmas of those who are on the side of those who do not pass good holidays, who passes it close to the other, serving their community, in the streets, with the banks of rivers swelling and snow walls rising.

#laltronatale is the Christmas holidays that volunteers of Anpas public assistance groups (@ ANPAS), in collaboration with Instagramers Italy, will try to tell from 8 December to 6 January: the nights spent hoping not to be called for emergency, the Eve spent in uniform, the head office of association decorated, Santa Claus dressed in orange who brings gifts to the less fortunate children in many areas of Italy."


 

0
0
0
s2sdefault

L'intervento dei volontari Anpas in cifre - Dal 20 maggio al 27 ottobre sono intervenuti 2137 volontari Anpas provenienti da tutta Italia, suddivisi in 21 contingenti. 12.647 giornate di volontariato, 126.470 ore di servizio (circa 10 ore al giorno). Le attività - 15 cinofili, 207 in cucina, 47 tra responsabili di campo e responsabili nazionali, 73 addetti all'impiantistica (elettricisti, idraulici, magazzinieri), 1261 addetti alla logistica, 165 tra medici, infermieri, soccorritori, 228 impegnati nelle attività di segreteria (sale operative, segreterie di campo), 141 a supporto della popolazione (psicologi, animatori, educatori).

Il prossimo appuntamento è il 24/27 maggio, sempre a Bologna con il meeting nazionale della Solidarietà Anpas!

 

L'Emilia ringrazia

"Tanti colori diversi, un unico grande cuore"

“Solo insieme ce la possiamo fare. Siete la ragione di orgoglio di questo Paese”, così il presidente della Regione Vasco Errani ha ringraziato i 3.500 volontari e rappresentanti della Protezione civile intervenuti al “Paladozza” di Bologna alla manifestazione “Una giornata per dire grazie”. 
L’incontro, voluto dalla Regione, è stato organizzato per rendere pubblico il ringraziamento da parte delle istituzioni a tutti coloro che si sono impegnati e messi all’opera fin da subito dopo il terremoto che nel maggio scorso ha colpito l’Emilia-Romagna, provocando 28 morti e 397 feriti e producendo danni in 57 Comuni.


L'incontro è iniziato con il ricordo di Giovanni Barone volontario Anpas della pubblica assistenza Castelfranco Emilia al quale tutto il paladozza ha tributato un lungo applauso commosso. Lo ha ricordato l'Assessore alle Attività produttive Giancarlo Muzzarelli "un amico che è andato avanti, l'uomo che teneva insieme la cucina da campo".

 

“Quando serve noi ci siamo”, ha sottolineato nel suo intervento dal palco l’assessore Gazzolo, sottolineando che “ogni anno, dal 20 al 29 maggio, si terrà la 'Settimana della Prevenzione'”.


Con un messaggio letto dalla presidente Costi - anche il ringraziamento del presidente della Repubblica Giorgio Napolitano: “Mi unisco - ha scritto - al tributo di gratitudine che la Regione Emilia-Romagna intende offrire ai tanti uomini e donne delle istituzioni, del volontariato e delle diverse componenti del sistema della Protezione Civile accorsi con grande senso del dovere e umana generosità a prestare aiuto e assistenza ai concittadini colpiti dal sisma, testimoni esemplari di quello spirito di partecipazione e solidarietà che costituisce il fondamento di una forte società civile. Come ho più volte sottolineato, si tratta dell'Italia migliore”.


Marcello Giumina (Presidente del Comitato regionale del volontariato) ha ringraziato le famiglie dei volontari "che sopportano la nostra assenza, lunga a volte mesi. E grazie a quel 75% dei volontari che sono intervenuti, e grazie a quelli che oggi sono rimasti a presidiare i territori". 

Simone Andreotti (Presidente Consulta nazionale del volontariato) ha sottolineato l'importanza della prevenzione: "noi ci siamo sempre e lo zaino è sempre pronto. Quello di oggi è un momento per continuare a guardare avanti. Importante il sentirci parte di una squadra: c'è molto da fare e ci saremo sempre".


Giorgia, studentessa liceo Galiei di Mirandola ha ringraziato tutti i volontari presenti "il terremoto ci ha fatto capire che il mondo non è fatto di persone indifferenti. Grazie a tutti quelli che ci hanno preso per mano e ci hanno accompagnato per farci tornare alla normalità".


Il capo dipartimento di Protezione Civile Franco Gabrielli ha sottolineato che la Protezione Civile "è tutto quello che vediamooggi, oggi aldilà dei colori ed è la migliore manifestazione di quello che è la Protezione civile. E’ tutto ciò che vediamo qui dentro: amministratori, tecnici, volontari, forze dell’ordine. Abbiamo scoperto di essere più forti di alcune miopie, abbiamo immaginato un percorso virtuoso. Siamo partiti da lì. Ora abbiamo bisogno di una legge più attenta alla protezione civile.  Oggi debbo dire grazie al Presidente di questa regione che ci è stato vicino più forte delle miopìe degli altri". Il Capo Dipartimento si è poi congedato con un proverbio africano: "se vuoi correre veloce corri da solo, se vuoi andare lontano, cammina insieme".

Il presidente Vasco Errani ha parlato di “emozione e riconoscenza”, rivolgendosi ai volontari e agli operatori che hanno riempito il Paladozza in rappresentanza di tutto il sistema di protezione civile regionale e nazionale. “Dentro di voi ci sono valori importantissimi”, ha detto Errani. “Siete stati protagonisti di una grande prova di solidarietà e di amore. Il terremoto ci ha insegnato che la verità è più forte di ogni propaganda e la verità è ciò che abbiamo fatto, insieme. Ora ricostruiremo le nostre case, le nostra città, le nostre fabbriche e lo faremo impedendo che la criminalità organizzata metta le mani sulla ricostruzione”.

 

Durante la manifestazione sono state ripercorse tutte le tappe più importanti dell’intervento del sistema nazionale regionale e locale di Protezione civile: dai primi soccorsi la notte del 20 maggio, all’allestimento e gestione dei campi di assistenza alle persone sfollate fino alle misure avviate per la ricostruzione e la ripresa nelle province colpite.

Il prossimo appuntamento è il 24/27 maggio, sempre a Bologna con il meeting nazionale della Solidarietà Anpas!

 

                        

Le cifre dell'impegno

Assistenza alla popolazione.

Il picco dell’accoglienza si è registrato nella settimana dal 7 al 12 giugno quando è stata data ospitalità a 15.031 persone: 3.217 in 55 strutture al coperto, 1.753 in 250 alberghi, oltre 10 mila in 36 campi allestiti dalle colonne mobili dell’Emilia-Romagna, di 13 altre Regioni e di 7 associazioni nazionali di volontariato.Solo la Colonna mobile regionale dell’Emilia-Romagna è intervenuta nella gestione o cogestione di 24 campi. Numeri che è possibile tradurre concretamente ricordando i 17.450 posti letto preparati in 1.825 tende, i 230 servizi igienici mobili allestiti e le oltre 30 cucine che hanno sfornato più di 7 milioni di pasti. Sono 21 mila, di cui 7.000 emiliano romagnoli, i volontari intervenuti. Hanno messo in campo un impegno pari a 200 mila giornate/uomo.


Verifiche di agibilità e rilievi dei danni. I Vigili del fuoco hanno svolto circa 57 mila sopralluoghi speditivi, oltre a operazioni di soccorso, demolizioni e messa in sicurezza di edifici pericolanti. A queste ultime attività hanno dato un contributo anche le Forze Armate, con l’impiego medio di 330 unità di personale e 60 mezzi. Alle verifiche speditive si sono affiancati i circa 42 mila sopralluoghi con la compilazione della scheda Aedes (necessaria per il ripristino e il pagamento dei danni) condotti in soli circa 2 mesi da 1.690 squadre di rilevatori composte da 3.200 tecnici, intervenuti a titolo volontario e provenienti da tutta Italia per controlli su abitazioni, scuole, uffici, imprese, depositi ed edifici a uso ricreativo. In totale, per concludere le verifiche sull’agibilità degli edifici e il rilievo del danno sono state effettuate 6.300 giornate lavorative.


Le opere provvisionali. Alle circa 160 opere provvisionali immediatamente disposte dalla Dicomac (la Direzione di comando e controllo che viene attivata solo a seguito di grandi emergenze), sono seguite le 1.298 autorizzate dal Commissario delegato alla ricostruzione, pari a un investimento di oltre 140 milioni di euro. Si tratta di opere fondamentali per il ritorno alla normalità e la progressiva riduzione delle zone rosse dei centri storici: riapertura della viabilità; eliminazione degli elementi di rischio esterno che impedivano il rientro nelle abitazioni agibili; ripristino della funzionalità dei servizi pubblici essenziali e la salvaguardia da danni irreversibili di beni collettivi.


Le scuole. Il terremoto di maggio ha provocato danni in 450 edifici scolastici. Il 17 settembre gli studenti hanno potuto iniziare regolarmente l’anno scolastico. Per oltre 250 edifici si sono svolti interventi di riparazione, mentre sono stati attivati 30 prefabbricati modulari (che saranno utilizzati fino all’inizio del prossimo anno scolastico) e 28 edifici scolastici temporanei (per le scuole che non potranno essere riparate entro il prossimo settembre).


La sicurezza. Forze dell’ordine e Corpi dello Stato sono stati impegnati non solo nelle attività di soccorso alla popolazione, ma anche in funzione antisciacallaggio e per i controlli sull’ordine pubblico. 800 i Carabinieri mediamente in servizio ogni giorno, a cui si sono aggiunti oltre 4.000 forestali e più di 9.000 operatori delle Polizie locali. Al loro fianco, un ruolo importante è stato svolto anche dagli agenti della Polizia di Stato e della Guardia di Finanza.


Sanità. La Sanità regionale, il 118 e il Servizio veterinario si sono immediatamente attivati. Nelle strutture ospedaliere di Modena sono stati attivati diversi Punti medici avanzati che hanno erogato assistenza sanitaria alle popolazioni.Durante l’emergenza, sono stati evacuati 619 pazienti degli ospedali di Mirandola, Carpi e Finale Emilia (Modena) e Bondeno (Ferrara) e 420 persone anziane e disabili ospitate nelle strutture sociosanitarie, cui si sono aggiunti anche circa 1.700 anziani e disabili, precedentemente assistiti a domicilio.


Sociale. Numerose le iniziative intraprese dai Servizi sociali, che hanno anche visto in campo - grazie anche alla collaborazione con gli ordini professionali - assistenti sociali, psicologi, mediatori culturali ed educatori.


Continuità amministrativa. Più di 2.200 dipendenti di Comuni e Province sono giunti in Emilia da tutta Italia per contribuire a garantire la continuità amministrativa e i servizi dati ai cittadino dagli enti locali colpiti dal sisma.

 

 

 

Si lavora qui per ingentilire i cuori - il 14° meeting nazionale della solidarietà: Bologna/Mirandola 24/26 maggio 2013

  

 

                            

L'intervento di Anpas in Emilia

Comics4emilia: opere d'arte, fumetti e vignette all'asta per le sedi Anpas

How to help Public Assistance Groups damaged

Anpas intervention for the earthquake in Emilia Romagna


Come aiutare le Pubbliche Assistenze Anpas colpite dal sisma


I racconti dei volontari

                         

Le storie di Aldo, dal campo di Mirandola
Il 20 maggio di Valentina

Noi, sciacalli di emozioni, di Rosanna Morelli

Campo Costa Timbuktu, di Alessandro Nassisi

Campo Costa: un laboratorio multiculturale, di Rosanna Morelli


La struttura protetta del campo di Mirandola (foto)


Anpas all'Hackathon terremoto (Bologna, 16-17 giugno)

 


I Gas dei volontari Anpas: un sostegno alle aziende


La cucina del Campo Costa (video)
       

Di terremoti, false leggende e info utili (approfondimento)

   

Anpas a lavoro a poche ore dal sisma

 




 


0
0
0
s2sdefault

Un anno di attività del GRS.

 

Al Salone dell’editoria sociale il bilancio di un anno di attività del Giornale radio sociale. Il direttore Maiorella: “Un anno fa abbiamo lanciato una sfida al Terzo settore, trasformare i fatti in notizie”. Mumolo (Forum): “Bilancio soddisfacente”

ROMA – Un anno fa nasceva il Giornale radio sociale, una striscia in sei minuti di notizie che trattano di economia, diritti, immigrazione, disagio, lavoro. Oggi al Salone dell’editoria sociale (in corso fino a domenica 21 a Roma) il direttore IvanoMaiorella ha tracciato un primo lancio nel corso dell’incontro “Grs, silenzioso assordante…un anno dopo”, insieme ai direttori di Radio popolare, Radio Articolo 1. “Oggi spegniamo la prima candelina: un anno fa abbiamo lanciato una sfida al Terzo settore, trasformare i fatti in notizie – sottolinea Maiorella –. La nostra è una scommessa che si regge sul pluralismo, abbiamo un editore che è espressione dei tanti aspetti del sociale. E una redazione fatta di diverse competenze e professionalità, che si muovono nel giornalismo sociale. Questa è la prima candelina di una lunga serie – aggiunge -  il lavoro che stiamo portando avanti è quello di dare voce e testimonianza a chi voce e testimonianza non ce l’ha, partendo dai territori”. Da giugno 2012 gli accessi sono stati 1.668.902; 187 le edizioni quotidiane per un totale di 1.122 notizie prodotte. Sono state prodotte anche trasmissioni speciali realizzate in occasione di campagne, come “Con la voce di Peppino”sui beni confiscati alle mafie e “L’Emilia chiama” sul terremoto. Il Grs viene registrato quotidianamente e messo in rete sul sito www.giornaleradiosociale.it, sui canali web e in Fm. Dal 1 marzo 2012 viene diffuso attraverso il circuito radiofonico Area in 36 radio, è stato acquisito poi da altri circuiti per un totale di 46 emittenti.
  

 

“Per noi oggi il bilancio è estremamente soddisfacente: è un prodotto realizzato con continuità professionale e pluralismo – aggiunge Maurizio Mumolo, direttore del Forum del terzo settore, editore del Giornale radio sociale -  È un’iniziativa, che non ha dietro le spalle grandi sposor, ma è interamente autoprodotta. E siamo riusciti ad andare oltre le intenzioni che c’eravamo preposte, l’ ambizione è continuare su questa strada e rafforzare il prodotto”. Per Altero Frigerio, direttore radio Articolo 1, più che spegnere le candeline bisogna “considerare conclusa la fase della sperimentazione”. “Dobbiamo interrogarci su come facciamo informazione in un momento in cui la  crisi sta riducendo lavoro, diritti, democrazia – afferma - . Ci troviamo in un  contesto in cui l’ informazione  non è all’altezza della gravità situazione. La sfida che dobbiamo tenere presente in ogni momento è quella dell’agire come informatori sociali, dobbiamo lavorare di più per trovare notizie e scovare cosa non ci piace. Spesso ci sentiamo giornalisti di serie b, non facciamo scoop, c’è sofferenza nell’approccio all’informazione anche se trattare episodi sociali fa notizia se noi ci crediamo, fa rete se ci lavoriamo , fa bene se sappiamo guardare lontano”. 

Marta Bonafoni, direttrice di Radio popolare ha ricordato che i “due nemici del giornalismo sono l’ emergenza e l’assenza di memoria, che noi stessi mandiamo in onda”. “In questa crisi di diritti e della politica dobbiamo cogliere la sfida al web e sul web, ma la rete ha il rischio della solitudine mentre la radio deve prendere la rete e renderla comunitaria, sociale. Riccardo Giovannetti, presidente dell’agenzia radiofonica Area, ha descritto il progetto del Grs come un’idea “per niente commerciale ma molto bella”. “Il panorama intorno è  triste – aggiunge – In un contesto di crisi il sistema che sta più soffrendo è quello delle emittenti locali. E i tagli si fanno sempre di più sull’informazione”. (ec)

                      

 

 

 

 

 

0
0
0
s2sdefault
  1. Twitter
  2. Facebook
  3. Instagram
  1. Twitter
  2. Instagram

Su questo sito usiamo cookies per migliorare la tua esperienza di navigazione. Questi cookies sono essenziali per le funzionalità del sito. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy. I accept cookies from this site.