Giornata Mondiale vittime della strada 2015

Stampa

15 novembre 2016 - Gli incidenti stradali sono la principale causa di morte nei giovani tra i 15 e i 29 anni: le vittime totali al mondo solo 1,25 milioni di persone. Questo il quadro tratteggiato dall’Organizzazione mondiale della sanità nel report “Global status report on road safety 2015”.

La maggior parte dei morti sulla strada in un anno coinvolgono automobilisti (31%) e motociclisti (23%), ma ogni dieci morti due sono pedoni (22%) e il 4% ciclisti.

 

 

La distrazione causa circa il 20% delle vittime: nel 2014 sulle strade italiane ha provocato 700  morti e 50.000 feriti.

Ogni anno, in Italia, su cento decessi muoiono per incidenti stradali sei persone (fonte OMS), quasi quattromila morti ogni anno.

Vejentana 2014 - l'esercitazione di Anpas Lazio

L'Organizzazione Mondiale della Sanità ha stabilito che una buona legge sul livello alcolemico alla guida si deve basare su un livello di ≤0.05g/dl per tutti i guidatori e di ≤0.02 g/dl per i guidatori giovani o inesperti.

La Giornata Mondiale in Ricordo delle Vittime della Strada ricorre ogni terza domenica del mese di novembre ed è stata istituita nel 2005 dall’Assemblea Generale delle Nazioni Unite per sollecitare l’attenzione pubblica sul dramma degli incidenti stradali e per ricordare, a governi e società, la responsabilità collettiva di questa “guerra silenziosa”.

Su una stima preliminare effettuata dall’ISTAT, infatti, nel 2013 in Italia si sono verificati più di 180.000 incidenti stradali con un numero di morti pari a 3.400, e di feriti pari a 259.500. 

World Day of Remembrance for Road Traffic Victims 2015 (NYC) from STREETFILMS on Vimeo.

0
0
0
s2sdefault
powered by social2s

Su questo sito usiamo cookies per migliorare la tua esperienza di navigazione. Questi cookies sono essenziali per le funzionalità del sito. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy. I accept cookies from this site.