ANPAS ADERISCE AL MODELLO “RIFIUTI ZERO”

ANPAS aderisce al modello "Rifiuti Zero" 

Una strategia per la riduzione della produzione dei rifiuti e per coinvolgere tutte le Pubbliche Assistenze d’Italia all'insegna del rispetto e della tutela dei beni comuni. 

logozwi

Il 23 ottobre 2010, il Consiglio Nazionale ANPAS, riunito a Firenze, ha approvato l’adesione al modello “Rifiuti Zero” così come definito in ambito internazionale dalla ZWIA (Zero Waste International Alliance). 


Il modello Rifiuti Zero, ideato dal prof. Paul Connett (St. Lawrence University) si articola secondo i seguenti passaggi: la raccolta differenziata, il compostaggio, il riuso, il riciclo, la riparazione e lo smontaggio degli oggetti dimessi.

Ma è soprattutto sull’importanza delle relazioni che si concentra la strategia di Connett: Fare amici, non fare rifiuti è la formula che il professore della St. Lawrence University ha ripetuto nel corso dei suoi inteventi durante gli eventi ANPAS. Per far funzionare il modello, infatti, è fondamentale il coinvolgimento di cittadini, Istituzioni e mondo dell’impresa.

 

Sono già molte le Pubbliche Assistenze che, nei rispettivi territori, propongono modelli simili, ma è significativo che la strategia “Rifiuti Zero” sia stata proposta proprio dal Comitato Regionale ANPAS Campania, il territorio attualmente più coinvolto dal problema rifiuti. Anche in virtù di questo progetto, ANPAS pone particolare attenzione alla gestione degli eventi e della comunicazione attraverso comportamenti e strategie virtuose:  ha ridotto, ad esempio, la produzione di materiale cartaceo favorendo la comunicazione attraverso il web, stampa su carta riciclata certificata, nel corso di grandi eventi nazionali (convegni, Meeting, Conferenza di Organizzazione) vengono utilizzate stoviglie ecologiche e promuove la raccolta differenziata. 

 

«ANPAS ha sempre promosso la cultura della prevenzione, impegnandosi anche direttamente su questi temi», ha dichiarato il Responsabile nazionale Protezione Civile ANPAS Carmine Lizza. «I cittadini devono essere motivati nel risolvere i problemi, ma la politica deve cambiare: basta con le soluzioni plateali quando ci sono le emergenze. Il compito del Volontariato non è soltanto quello di monitorare la sicurezza dei territori, ma occorre avere il coraggio di esortare le Istituzioni ad assumersi le proprie responsabilità».

 

ANPAS, attraverso i 16 Comitati Regionali e le 863 Pubbliche Assistenze che aderiscono al Movimento, si impegna ad attivare progetti specifici e campagne di informazione presso scuole e comunità locali per ridurre la produzione di rifiuti e incentivare la raccolta differenziata. Un ulteriore esempio di come il volontariato di Pubblica Assistenza sia sempre pronto a cercare e proporre soluzioni concrete a problemi e bisogni dei territori.

 

Altre iniziative "sostenibili"
ANPAS aderisce a M'illumino di meno

Le iniziative Rifiuti Zero di ANPAS

Al 14° Meeting Anpas la raccolta firme per la legge di iniziativa popolare Rifiuti Zero

"Fare amici, non rifiuti": la lezione di Paul Connett

ANPAS e Rifiuti Zero al Villaggio Solidale, Lucca (febbraio 2011)

Il video intervento di Carmine Lizza (su Facebook)

Le iniziative "Rifiuti Zero" delle Pubbliche Assistenze

L'Ecosagra della P.A. di Pisa(agosto 2011)

Giornate vesuviane verso Rifiuti Zero con Paul Connett (maggio 2010)

Maiori verso Rifiuti Zero (gennaio 2011)

Rifiuti Zero presentato a Grottaminarda (ottobre 2010)

Rifiuti Zero: l'intervista a Concetta Mattia

 

0
0
0
s2sdefault
  1. Twitter
  2. Facebook
  3. Instagram

Su questo sito usiamo cookies per migliorare la tua esperienza di navigazione. Questi cookies sono essenziali per le funzionalità del sito. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy. I accept cookies from this site.