Protezione civile - Pubblicata la direttiva che assicura la partecipazione unitaria del volontariato

Elenco centrale ed elenchi territoriali delle organizzazioni di volontariato di Protezione Civile: la nota del Capo Dipartimento 

10 giugno - Nota del Capo Dipartimento del 30 aprile 2013: disposizioni sull’istituzione dell'elenco centrale e degli elenchi territoriali delle organizzazioni di volontariato di protezione civile

Oggetto: Istituzione dell'elenco centrale e degli elenchi territoriali delle organizzazioni di volontariato di protezione civile - attuazione delle disposizioni contenute nel paragrafo 1 della Direttiva del Presidente del Consiglio dei Ministri del 9 novembre 2012, pubblicata nella Gazzetta Ufficiale del 1° febbraio 2013

Come è noto il Presidente del Consiglio dei Ministri ha recentemente adottato una Direttiva contenente specifici indirizzi operativi volti ad assicurare l'unitaria partecipazione delle organizzazioni di volontariato alle attività di protezione civile. La Direttiva è stata pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 27 - serie generale - dello febbraio 2013 e le disposizioni in essa contenute divengono operative decorsi 180 giorni dalla pubblicazione, vale a dire a partire dal prossimo 31 luglio 2013. >>>CONTINUA  SUL SITO DEL DIPARTIMENTO DI PROTEZIONE CIVILE 

http://www.protezionecivile.gov.it/jcms/it/view_prov.wp;jsessionid=1A325BC14A259B5EA3883CE455B2DB43?contentId=LEG39594

 


Come richiedere l'iscrizione. Dal 31 luglio 2013 – a 180 giorni dalla pubblicazione in Gazzetta Ufficiale – diventano operative le disposizioni della Direttiva “Indirizzi operativi volti ad assicurare l’unitaria partecipazione delle organizzazioni di protezione civile alle attività di protezione civile”.

 

L’iscrizione in questo elenco è presupposto essenziale e irrinunciabile per l’accesso ai benefici e alle misure previste nel Regolamento. 
L’iscrizione in questi elenchi costituisce, senza ulteriori adempimenti, condizione sufficiente per l’accesso ai benefici previsti dagli articoli 9 e 10 del Dpr 194/2001. 

L’iscrizione è inoltre condizione necessaria per la partecipazione delle Organizzazioni di volontariato alle attività che si svolgono in vista o in occasione di eventi a carattere locale (gli eventi di tipo “a” o “b” individuati dalla legge n. 225 del 1992 e successive modifiche e integrazioni).
Dal 31 luglio 2013 la partecipazione delle Organizzazioni di volontariato a questo tipo di attività diventa di esclusiva competenza delle Regioni e delle Province Autonome che, entro questa data, devono procedere ad adeguare, se necessario, le disposizioni che disciplinano istituzione e tenuta degli elenchi territoriali, come concordato in sede di intesa sulla Direttiva. 

Sempre entro il 31 luglio il Dipartimento stabilirà con Regioni e Province Autonome come assicurare l’accessibilità e la consultazione degli elenchi territoriali sul sito istituzionale del Dipartimento.

Possono richiedere l’iscrizione nell’elenco centrale:

- Le strutture nazionali di coordinamento di organizzazioni costituite ai sensi della legge n.266/1991 diffuse in più Regioni;
- le strutture nazionali di coordinamento delle organizzazioni di altra natura a componente prevalentemente volontaria;
- organizzazioni prive di articolazione regionale, ma in grado di svolgere funzioni specifiche ritenute dal Dipartimento della Protezione Civile di   particolare rilevanza ed interesse a livello nazionale;
- le strutture nazionali di coordinamento dei gruppi comunali e intercomunali.
Le organizzazioni che ritengono di appartenere a una di queste categorie devono attestare il possesso dei requisiti inviando domanda di iscrizione al Dipartimento. 

La domanda, completa di documentazione, deve essere trasmessa entro il 31 maggio 2013 all’indirizzo di posta elettronica certificata Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Per procedere alla prima edizione dell’elenco centrale entro il 31 luglio 2013 – data in cui l’elenco unico attuale cesserà di avere efficacia – il Servizio Volontariato del Dipartimento della Protezione Civile procederà alla verifica delle richieste di iscrizione anche attraverso sopralluoghi nelle sedi operative delle Organizzazioni.

Le domande di iscrizione arrivate dopo il 31 luglio 2013 saranno comunque considerate per successive integrazioni dell’elenco centrale. Le organizzazioni che ritengono di avere i requisiti possono dunque presentare richiesta di iscrizione in ogni momento, inviando questo modello di domanda all’indirizzo di posta elettronica certificata Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Vedi sito Dipartimento Nazionale Protezione Civile

 

 


Soddisfazione da parte di Anpas e del Presidente della Consulta Nazionale del Volontariato di Protezione Civile all'indomani della pubblicazione in Gazzetta Ufficiale della Direttiva del Presidente del Consiglio dei Ministri del 9 novembre 2012, contenente gli “Indirizzi operativi volti ad assicurare l’unitaria partecipazione delle organizzazioni di volontariato all’attività di protezione civile”. La direttiva tutela la partecipazione delle organizzazioni di volontariato a tutte le attività di protezione civile ne sostiene le azioni nell’ambito del Servizio Nazionale, adeguando procedure e strumenti al mutato quadro organizzativo della Protezione Civile, nel rispetto dei principi del Dpr 194/2001.

"Si va quindi a concretizzare un lungo percorso dove Dipartimento, Associazioni nazionali, Regioni, Province e Comuni hanno dato dimostrazione di serietà e di responsabilità lavorando su un documento che riconosce l’importanza di ogni livello di intervento (locale, regionale o nazionale) ed organizza in maniera omogenea le risorse rispettandone le autonomie", dichiara Carmine Lizza, responsabile Protezione Civile Anpas nazionale.
Gli effetti si vedranno soprattutto a livello locale: "Parto da casa nostra e quindi dalle Pubbliche Assistenze che, in varie regioni, fino ad oggi non potevano essere iscritte nei registri di protezione civile perché questi prevedevano l’iscrizione nel settore prevalente di attività che, per la maggior parte delle nostre 882 associate, è quello sanitario", continua Lizza. "Con questo decreto i registri diventano due e quindi questo problema viene risolto. Contemporaneamente viene facilitata l’iscrizione nel registro nazionale in quanto sedi operative di Anpas con un alleggerimento burocratico anche per Regioni e Dipartimento". Altro aspetto importante di questo decreto è l’obbligo di comunicare, in maniera esplicita, la partecipazione di ogni associazione alle attività di protezione civile dovendo indicare la “quota parte” che ogni associazione mette a disposizione del livello territoriale con il quale partecipa (comunale, regionale, nazionale). "Insomma ritengo questo decreto un bel passo avanti verso un vero sistema di protezione civile", conclude Lizza.
Secondo Luciano Dematteis, rappresentante di Anpas presso la Consulta Nazionale,decreto è importante perché “fa finalmente chiarezza sugli albi ai vari livelli e di conseguenza sarà possibile programmare le attività di prevenzione nei vari settori. Per quanto concerne l'Anpas la divisione degli albi ci permette di essere presenti ai vari livelli e nel contempo essere movimento unito”.
Secondo Simone Andreotti, Presidente della Consulta Nazionale del Volontariato, gli effetti saranno molti: “Prima di tutto l'organizzazione dell'elenco delle associazioni di volontariato, la cui iscrizione permette di fruire dei benefici di legge previsti dal DPR 194. Riorganizzare gli elenchi permette di prendere atto di un volontariato che dal 2001 è cresciuto, rafforzandosi sia nelle associazioni nazionali che nelle realtà locali. La nuova Direttiva riconosce ufficialmente questi due ambiti come entrambi strategici per il Paese, che devono beneficiare degli stessi diritti e doveri, cercando di dare un messaggio di necessaria omogeneità sul territorio nazionale. La creazione di sotto-elenchi dedicati permette a ognuno, con chiarezza e trasparenza, di iscriversi, a seconda delle sue scelte associative e delle sue peculiarità su un piano territoriale o nazionale, a parità di dignità e diritti.  "La direttiva", prosegue Andreotti, "va oltre prevedendo dei criteri unitari ispirati alla qualità necessari non solo per iscriversi, ma anche per mantenere viva l'iscrizione. L'assenza di fini di lucro, la presenza prevalente volontaria degli associati, l'assenza di  condanne penali   per reati che   comportano l'interdizione dai pubblici uffici dei legali rappresentanti sono criteri ineludibili per partecipare alle attività di protezione civile, elementi che allontanano dal nostro mondo ancora “sano” le tentazioni del “profit” e rimarcano la pratica della legalità come presupposto per operare”.
Viene poi inserita, come è stato richiesto lo scorso anno agli Stati Generali del Volontariato di Protezione Civile dell'aprile 2012, l'effettiva esperienza e attività sul campo per poter mantenere il fregio di associazione di protezione civile iscritta.
"Elenchi quindi dinamici e realistici, che tenderanno a premiare e stimolare la concreta qualità e il vero spirito del volontariato che muove il nostro mondo”.  "Abbiamo fatto un ottimo lavoro di squadra", conclude Andreotti, "con il Dipartimento Nazionale della Protezione Civile, le Regioni, l'Anci e l'Upi su questa direttiva. Un lavoro finalmente premiato. Il prossimo passo sarà riprendere questo lavoro per seguire l'indicazione che è uscita con chiarezza agli Stati Generali del Volontariato, ovvero il tema della rappresentanza. Ridefinite attraverso il nuovo elenco le associazioni (grandi e piccole) di protezione civile, dobbiamo lavorare per dargli una voce   autorevole ed includente. Oggi il volontariato di protezione civile non ha un soggetto unico che possa rappresentarlo in tutte le sue forme, garantendo pari dignità a tutti. Dobbiamo trovare la strada per fare incontrare le associazioni nazionali e quelle locali, come abbiamo fatto con successo agli Stati Generali. Questa per noi continua ad essere una priorità".  
Unica nota dolente sottolineata da Luciano Dematteis: “Purtroppo non si è riusciti a mettere dentro il rinnovo del Comitato e si dovrà continuare con la Consulta. Al momento, vista la disponibilità del Dipartimento Nazionale di Protezione Civile non ci sono problemi, ma  dobbiamo tenerci pronti per il futuro”.

 

Campo Costa: i volontari Anpas

 


 

 

 

 

 


 

Link: la notizia sul sito del Dipartimento di Protezione Civile 

La direttiva pubblicata in Gazzetta Ufficiale il I°febbraio 2013

Gli stati generali del volontariato di Protezione Civile

 

VIDEO

                                                                                       

 

0
0
0
s2sdefault

Su questo sito usiamo cookies per migliorare la tua esperienza di navigazione. Questi cookies sono essenziali per le funzionalità del sito. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy. I accept cookies from this site.