Maltempo Sardegna: l'intervento Anpas (in aggiornamento)

In aggiornamento

Sardegna - Orosei: anche io sono la protezione civile

28 novembre, ore 17. Termina oggi il lavoro della cucina mobile dei volontari Anpas a Olbia, dove dallo scorso martedì 19 novembre, sono stati distribuiti circa 4500 pasti. A Terralba i volontari della pubblica assistenza Livas ha accolto le persone rimaste fuori casa e hanno cucinato pasti sia con la consegna a domicilio (per le persone che non hanno avuto danni in casa) sia organizzando pranzi e cene nella sede dell'associazione: circa 200 i pasti cucinati ogni giorno, anche grazie alla collaborazione di altre pubbliche assistenze intervenute per aiutare l'associazione di Terralba. La sede ha raccolto e ridistribuito anche beni e alimenti di prima necessità.


 

21 novembre, ore 9. Durante tutta la notte i volontari della pubblica assistenza di Terralba hanno continuato a smistare i generi di prima necessità arrivati e a proseguire l'opera di pulizia di strade, case, i negozi e gli scantinati. 

La fotogallery dei lavori di questa notte (foto Francesca Orrù)

        

 


 

20 novembre, ore 17. Continua l'impegno dei volontari Anpas: «La gente vuole sentirsi abbracciata»Già 800 pasti sfornati dalla cucina mobile Anpas a Olbia.

 

Continua l'assistenza dei volontari Anpas presenti in Sardegna nelle zone colpite dal maltempo. Importante la risposta di tutti i volontari Anpas delle 42 pubbliche assistenze sarde che stanno lavorando sia nei rispettivi comuni colpiti, sia in quelli rimasti isolati come Galtellì, in provincia di Nuoro, dove i volontari di Orosei stanno portando assistenza e supporto alla popolazione.

 

A Terralba i volontari Anpas stanno liberando le strade e continuando l'evacuazione di alcune case, negozi e scantinati. La sede della pubblica assistenza Livas (via Napoli 3) inoltre sta accogliendo anche la guardia medica e nella notte accoglie le persone rimaste fuori casa.

«Anche se siamo in difficoltà, è bello vedere quante persone, anche non volotari, siano arrivate da tutta la Sardegna per aiutarci a uscire dal fango e liberarci dall'acqua», dice Francesca, volontaria della Pubblica Assistenza di Terralba. «La gente che stiamo incontrando in questi giorni vuole sentirsi abbracciata. Molti di noi poi sono intervenuti a Sarno e in altri, alluvioni, ma ora che è successo qui, in Sardegna, ci ha emozionati».

La cucina della colonna mobile nazionale Anpas è entrata a pieno regime a Olbia con oltre 250 pasti caldi e servizio al tavolo, per ogni pasto (colazione, pranzo e cena).


«Siamo rimasti colpiti da tutte le manifestazioni di solidarietà e di supporto di tutte le pubbliche assistenze, dei volontari che ci stanno seguendo in questi momenti difficili», dice Sergio Fa, presidente Anpas Sardegna «Fin da ora ringrazio i volontari di tutte le pubbliche assistenze sarde presenti nei territori colpiti che stanno lavorando ininterrottamente da due giorni insieme a tante altre persone che vengono da tutta la Sardegna». 

Terralba, l'intervento dei volontari Anpas


19 novembre, ore 17. Terralba: la guardia medica, resa inagibile, è stata spostata nella sede della pubblica assistenza Livas (Via Napoli 3). Le persone rimaste fuori casa, che non possono essere accolte da familiari possono recarsi nei due punti di raccolta: nella sede della pubblica assistenza Livas (via Napoli 3) e presso la scuola di Via Roma. 
Le vie inaccessibili sono: viale Sardegna, via Rio Mogoro,via S'Isca, Via Ponti Pedra, Via Masangiocu, Via Marchioni. Inacessibili le zone del centro: Piazza liberta, Via Ichnusa, Via S. Pellico, Via Concordia.
Ancora le seguenti non sono oggetto di ordinanza, ma inaccessibili Via Tirso, Via Coghinas, Via Piave.

 

Fonte: l'assessore alle politiche sociali Alessandro Murtas.

 

La fotogallery della situazione a Terralba (foto Francesca Orrù)

                              

 


 

19 novembre, ore 13 Sono circa millecinquecento i volontari di tutte le pubbliche assistenze Anpas presenti in Sardegna al lavoro dalle prime ore di ieri a supporto della popolazione. La cucina della colonna mobile nazionale Anpas sta arrivando a Olbia per sfornare, già per il pranzo, i primi pasti per le centinaia di persone rimaste fuori casa.

 

A seguito delle gravi condizioni dei tanti centri dell'isola colpiti dal maltempo, sono in corso operazioni di monitoraggio e di verifica sul territorio, di evacuazione delle case, degli scantinati e dei negozi, nonché il recupero di generi di prima necessità. Si registrano molte difficoltà per la viabilità dovute ad allagamenti e alcune frane, soprattutto sulla strada statale 131 e critici, in alcune zone, i servizi della rete elettrica.

 

«Il nostro intervento è in stretto raccordo con il Dipartimento della protezione civile nazionale» dichiara Carmine Lizza, geologo e responsabile nazionale Protezione Civile Anpas. «Purtroppo anche questa volta una errata comunicazione sull'emergenza ha indotto le persone ad assumere comportamenti pericolosi: nella fattispecie si è parlato dell'arrivo di un tornado che ha portato le persone a rifugiarsi negli scantinati, dove invece è arrivata l'acqua. Quanto accaduto impone a tutti il miglioramento della comunicazione che precede l'emergenza, attraverso la ricerca di fonti attendibili, e la comunicazione dei corretti comportamenti da tenere sulla prevenzione al rischio idrogeologico. Ci stringiamo intorno a tutti i nostri volontari, formati e preparati, che da ieri stanno operando nelle zone colpite». Anpas è presente in Sardegna con 42 pubbliche assistenze, oltre 2700 volontari e 163 mezzi. In questo momento sono due i volontari di Anpas Nazionale impegnati nella sala operativa nazionale per il coordinamento delle operazioni.

 

Emergenza Sardegna: l'arrivo della cucina mobile a Olbia

 


19 novembre, ore 2 Dal Dipartimento di Protezione Civile - Si è riunito ieri sera, alle 22.00, e si è poi aggiornato all’una di oggi, il Comitato Operativo convocato dal Capo Dipartimento della Protezione Civile per fare un punto sulla grave situazione di maltempo che sta interessando la Regione Sardegna e coordinare gli interventi del Servizio Nazionale della Protezione Civile. In collegamento con la sede di Roma del Dipartimento, la Regione Sardegna e la Regione Friuli-Venezia Giulia, in rappresentanza di tutti gli altri sistemi regionali di protezione civile.

 

 

Terralba - Da ieri pomeriggio i volontari della pubblica assistenza Terralba sono al lavoro per assistere la popolazione. Nella notte sono state accolte 9 persone nella sede dell'associazione.

 

A causa del maltempo, alcune criticità hanno interessato anche i servizi essenziali, e in particolare la rete elettrica. Per quanto riguarda la viabilità si registrano criticità sulla rete statale e sulle strade locali, dove si riscontrano diffusi allagamenti e alcune frane. In particolare, la strada statale 129, nel tratto tra Nuoro e Orosei, è interrotta per il crollo di un ponticello. Diversi i disagi anche alla circolazione ferroviaria in quanto il maltempo ha ieri causato l’interruzione di alcune tratte. Il porto e l’Aeroporto di Olbia sono aperti. 

 

Comportamenti - Si invitano gli automobilisti a utilizzare la macchina solo in caso di estrema necessità e a verificare la transitabilità delle strade prima di intraprendere il viaggio. Notizie sempre aggiornate sulla viabilità sono disponibili attraverso i canali C.C.I.S.S. (numero verde 1518, www.cciss.it, mobile.cciss.it, applicazione iCCISS per iPHONE), le trasmissioni di Isoradio e i notiziari di Onda Verde sulle tre reti Radio-Rai.

Gli aggiornamenti del Dipartimento della Protezione Civile


Video - ll Capo Dipartimento Protezione Civile Franco Gabrielli sull'alluvione in Sardegna all'audizione presso la commissione ambiente della Camera 

 


Rischio idrogeologico: cosa fare
Le immagini dell'intervento dei volontari Anpas

    

La storia di Francesca: Il momento peggiore


#ajòSardegna - La fotogallery dei volontari Anpas per i volontari delle pubbliche assistenze sarde

              

 

 

0
0
0
s2sdefault

Su questo sito usiamo cookies per migliorare la tua esperienza di navigazione. Questi cookies sono essenziali per le funzionalità del sito. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy. I accept cookies from this site.