Nel giorno della festa dei nonni un approfondimento sull'invecchiamento attivo, di Fabrizio Pregliasco, presidente Nazionale Anpas

Cominciamo da un dato, facilmente verificabile da ciascuno degli over 50 tra di noi: siamo anni luce dall’essere anziani. Un tempo era così, ora non lo è più. È come se, pur avendo 50, 60 o 70 anni, non avessimo gli stessi 50, 60 o 70 anni che hanno avuto, appena qualche decina di anni fa, i nostri genitori.
La ragione è che, non solo si è allungata l’età media, si è allungata anche la salute media. La nostra età biologica non corrisponde più all’età anagrafica e questo ci dà l’illusione di sentirci ancora giovani e invincibili. In parte è così - continuiamo ad essere giovani - ma allo stesso tempo cominciamo a non esserlo pienamente più.

Per questo è importante mantenere uno stile di vita sano e attivo il più a lungo possibile, limitando al massimo i fattori potenziali di problemi alla salute.
Se, per esempio, siamo abituati a svolgere un’attività fisica, come la corsa, sappiamo anche quanto benefico sia fare stretching prima di cominciare. Lo stretching non ci rende più forti nel correre né più resistenti o più giovani, ma aiuta a prevenire e limitare danni e dolori a tendini e muscoli. E alla nostra età, se ti fa male un tendine, non corri più per un mese!

A 50, 60 o 70 anni possiamo continuare a essere attivi e produttivi. Dobbiamo anzi aiutarci ad esserlo regolarmente, rimuovendo, con dei semplici accorgimenti e nessuna privazione, i potenziali ostacoli alla nostra salute.
In questo blog, desidero parlare di questo: non prescrizioni ma consigli, spunti, punti di vista di un insider della medicina con un piede nella 'terza giovinezza'!

nonni

0
0
0
s2sdefault
powered by social2s

Su questo sito usiamo cookies per migliorare la tua esperienza di navigazione. Questi cookies sono essenziali per le funzionalità del sito. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy. I accept cookies from this site.