Ripartire dopo il terremoto attraverso la montagna, la sua conoscenza e la sua frequentazione. Con questo obiettivo Anpas,  il Club alpino italiano e Edison hanno ideato il progetto della Casa della Montagna di Amatrice.

Amatrice (RI), 7 giugno 2017 - Oggi, nei pressi della palestra della Scuola Capranica in viale Saturnino Muzi (zona dove dovrebbe nascere la Casa della Montagna), sono stati effettuati i primi rilievi tecnici, alla presenza del Sindaco Sergio Pirozzi e dei rappresentanti di Anpas, CAI ed Edison.

 

Casa della montagna di Amatrice: i primi sopralluoghi

Secondo un primo studio di prefattibilità, condotto da Edison, la Casa della montagna dovrà essere una struttura modulare, antisismica, autosufficiente dal punto di vista energetico e ampliabile nel tempo, che mima i profili delle montagne circostanti. Sarà la sede della Sezione CAI amatriciana, un luogo con funzioni educative e informative.

Secondo Fabrizio Pregliasco, presidente Anpas “oltre alla lunga attività in emergenza, con la nostra raccolta fondi stiamo definendouna collaborazione per costruire e vivere la casa di montagna. Un’occasione unica per lasciare un segno, ma anche per collaborare con CAI e Edison, per migliorare le nostre attività e rendere ancora più bella l’Italia”.

Egidio Pelagatti, responsabile operativo protezione civile Anpas, afferma: “È un primo passo per realizzare l'obiettivo della nostra raccolta fondi: una struttura che abbia valenza sul territorio, un presidio funzionale per il volontariato, ma anche per gli amanti della montagna. Un presidio, che pur rimanendo comunale, riesca a fungere da riferimento per la formazione e per la prevenzione di protezione civile che, insieme ai partner del progetto, ci impegniamo a portare avanti anche per fare memoria di ciò che è stato e dell’impegno dei tanti nostri volontari intervenuti nel momento dell’emergenza”.

“Il bisogno di ripartire, di avere punti fermi, di riavere subito ciò che non c’è più". Sono le parole di Marco Salvetta, Presidente della sezione CAI di Amatrice, subito dopo l’immane dramma che ha colpito la sua terra”, ha affermato la Vicepresidente generale del CAI Lorella Franceschini. “Da questo pensiero, da questo bisogno, parte il desiderio del Club alpino italiano di dare un fattivo contributo al futuro di Amatrice e alla ricostruzione sociale, attraverso la promozione del progetto della Casa della Montagna, centro polifunzionale dotato di una palestra di arrampicata, un posto tappa con servizi, una sala conferenze, una biblioteca e una sala espositiva. Non solo centro essenziale di aggregazione, non solo presidio e rilancio delle terre alte dell’Appennino centrale, ma modello di condivisione e coesione tra le genti di montagna”.

Conclude la Franceschini, che ha si è resa interprete anche del pensiero del Presidente generale del CAI Vincenzo Torti. “Dopo la prima fase di grave emergenza, che ha visto in prima linea i volontari del Corpo Nazionale del Soccorso Alpino e Speleologico del CAI in collaborazione con la Protezione Civile, è ora tempo di ricostruire, di ridare una casa in cui tornare alle genti di queste montagne. Al centro del Parco Nazionale del Gran Sasso e dei Monti della Laga, contiamo che questo territorio di straordinaria biodiversità possa ritrovare nuova vita anche attraverso la Casa della Montagna, esempio virtuoso di edilizia sostenibile e rispettosa dell’ecosistema”.

“Attraverso questo progetto intendiamo dare un aiuto concreto alla ricostruzione di Amatrice. Edison si è confrontata con la comunità locale, portando le sue competenze. Ne è scaturita la richiesta della Casa della Montagna”, spiega il direttore dei Servizi Energetici di Edison Paolo Quaini. “Siamo contenti di questa collaborazione, un’iniziativa che oltre a essere rispettosa del contesto e dell’ecosistema in cui si inserisce, ha di per sé un valore in quanto esempio concreto di sostenibilità. Lo studio di fattibilità per la realizzazione del progetto, prodotto da Edison in collaborazione con Magnoli&Partners, sarà condotto con l’utilizzo del BIM, uno strumento all’avanguardia che permette di progettare in digitale gli edifici, prevedendo il ciclo di vita dei materiali che li compongono, in maniera tale da efficientarne i consumi e gestirne la manutenzione, e di garantire tempi e costi di realizzazione”.

Sono intervenuti inoltre Lavinia Bellioni per Edison, l’arch Carlo Magnoli dello Studio Magnoli & Partners, il Presidente del CAI Lazio Fabio Desideri e Paolo Demofonte del CAI Amatrice.


Anpas per Amatrice

Penta pinta pin però

Terremoto centro Italia: il campo Anpas di Amatrice

0
0
0
s2sdefault
powered by social2s

Su questo sito usiamo cookies per migliorare la tua esperienza di navigazione. Questi cookies sono essenziali per le funzionalità del sito. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy. I accept cookies from this site.