Cerca

Cerca
Close this search box.

Pubblichiamo il comunicato stampa di Anpas Campania

15 novembre 2017 – In queste ore è arrivata l’ufficialità della proroga del servizio 118 alle pubbliche assistenze aderenti ad Anpas per la Provincia di Avellino per ulteriori dieci mesi. La proroga estesa anche alle altre ODV che attualmente gestiscono il servizio di emergenze urgenza in provincia potrebbe rappresentare una delle linee guida sull’affidamento dei servizi 118 per tutto il territorio Italiano. Infatti l’aspetto più interessante sottoscritto dall’Azienda Sanitaria con a capo la Dottoressa Maria Morgante è il richiamo al codice del terzo settore “Legge 106” ed al conclamato “art 57” sull’affido del servizio 118 attraverso convenzione diretta con enti che facciano parte di una rete di organizzazioni del terzo settore. Infatti questo è il primo caso in Italia in cui un’Azienda Sanitaria faccia un richiamo diretto al nuovo codice del Terzo Settore.

Avi avellino

“La dott.ssa Morgante da sempre attenta alle problematiche che riguardano il territorio della Provincia di Avellino, grazie a questa proroga fatta con un richiamo preciso al codice del Terzo Settore, ha finalmente qualificato e gratificato il lavoro dei tanti volontari Anpas e non solo, che ogni giorno dedicano il proprio tempo libero al sistema di emergenza urgenza” hanno dichiarato i dirigenti del Comitato Regionale Anpas Campania, continuando: “ la proroga realizzata dall’Asl di Avellino è la prima realizzata con queste modalità operative, ed evidenzia ancora di più l’ottimo dialogo che vi è tra la Dott.ssa Morgante e le organizzazioni di volontariato come Anpas che sin dal primo giorno hanno aggiornato l’amministrazione sanitaria sugli importanti sviluppi realizzati in materia di riforma del terzo settore”.
Per l’Asl di Avellino si avvia una nuova fase di dialogo con le organizzazioni di volontariato che ricordiamo svolgono tale servizio da circa 20 Anni; la quale riporta al centro degli interessi la salute dei cittadini ed il ruolo fondamentale del volontariato nella Provincia.

Torna in alto