Basta aggressioni ai soccorritori!

Continuano le aggressioni ai volontari soccorritori. Pregliasco, presidente Anpas: un mondo al rovescio

4 gennaio 2020 - All'indomani dell'ennesima aggressione ai soccorritori di Sassari, dell'incendio ai mezzi dei vigili del fuoco a Milano la notte di Capodanno e di altri gravi aggressioni che continuano a riguardare i soccorritori, nell'esprimere solidarietà alle persone e agli enti coinvolti Anpas nazionale porta all’attenzione il dibattito su come sia cambiato l’approccio dei cittadini con i volontari.

Il costante intensificarsi di aggressioni agli operatori sanitari, alle sedi e ai mezzi delle associazioni nelle città e nelle comunità italiane richiede una maggiore tutela e cura nei confronti di chi si occupa della salute e che in questo momento è esposto a episodi gravi come anche quelli di razzismo registrati nei confronti dei nostri volontari nei giorni scorsi Sciarborasca o in Toscana lo scorso anno.

“La misura è colma: è un mondo al rovescio. Si dà fuoco a un mezzo che deve portare soccorso all'intera comunità: un atto insopportabile e grave. I soccorritori e le soccorritrici devono essere supportati e protetti sempre” ha dichiarato Fabrizio Pregliasco, presidente Anpas.

Basta aggressioni

0
0
0
s2sdefault
powered by social2s

Su questo sito usiamo cookies per migliorare la tua esperienza di navigazione. Questi cookies sono essenziali per le funzionalità del sito. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy. I accept cookies from this site.