120 secondi, la storia di un soccorso dei volontari Anpas

120 secondi, la storia di Marco e Cinzia, volontari Anpas della Croce Verde di Civitella Roveto (Anpas Abruzzo)

"Oggi voglio raccontarvi una storia, e vi anticipo che come la mia, ne accadono ogni giorno nella nostra bell'Italia. Ma questa ha la particolarità che é successa da noi, a Civitella Roveto, ed ha come protagonisti una fiera, un commerciante, un'associazione, due volontari e un defibrillatore" - Serafino Montaldi, volontario Croce Verde Civitella Roveto e dirigente Anpas

120 secondi

 

Ore 13.28. Squilla il telefono della Croce Verde, sullo schermo la scritta: "centrale 118".

Marco risponde, fa un balzo, la situazione è seria: paziente in arresto cardiaco.

Marco e Cinzia scendono le scale di corsa, salgono in ambulanza e raggiungono la destinazione.

Guanti, mascherina, cuffia, borsone

Il paziente è a terra, cianotico in volto.

Marco si inginocchia  a terra e inizia le manovre di rianimazione cardio polmonare.

Nel frattempo Cinzia prepara il necessario per la ventilazione e controlla che nessuno si avvicini a Marco e al paziente.

Il tutto avviene in silenzio.

Cinzia e Marco parlano con gli sguardi.
«Uno, due, tre, quattro...»: il tempo sospeso è scandito soltanto dal conteggio delle compressioni.

Dopo le prime manovre il defibrillatore indica di erogare la scarica.
Cinzia e Marco fanno sicurezza intorno a loro

– scarica –

Continuano ancora il massaggio, alternato alla ventilazione.

Finisce il secondo ciclo, l’uomo respira, è cosciente.

È VIVO.

Tutto accade nell’arco di 2 soli minuti.

120 secondi.

0
0
0
s2sdefault
  1. Twitter
  2. Facebook
  3. Instagram

Su questo sito usiamo cookies per migliorare la tua esperienza di navigazione. Questi cookies sono essenziali per le funzionalità del sito. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy. I accept cookies from this site.