"In buone mani" - il racconto di Michela

"In buone mani" - il racconto di Michela

Raccoto di Michela
Mi chiedo come sia possibile tutto questo.
Ho un attimo di sconforto e fisso a terra. Non so esattamente quanto tempo passa, ma la vista mi si annebbia e mi scende una lacrima.
Cerco di farmi forza e mi rialzo per andare a controllare la persona da noi trasportata in ospedale.
Ho il mio compagno di squadra a fianco, entrambi cerchiamo di guardarci negli occhi nonostante gli occhialini pieni di condensa, scambiandoci una parola di conforto ed un sorriso che non può esser vissuto a pieno visto i dispositivi di protezione addosso.
Chissà quando potrà salire su la paziente. In questo momento non è possibile, dobbiamo attendere ci dicevano.
Siamo in fila, siamo la quarta ambulanza ad attendere e purtroppo ostacoliamo pure il passaggio.
Siamo arrivati alle 14 ed è già passata un'ora. Un'infermiera molto gentile e disponibile è scesa a controllare i pazienti da noi trasportati.
Tutti stiamo bene, ma l'attesa sarà lunga e il freddo della giornata si fa sentire soprattutto perché siamo in una zona d'ombra dove si infrange il vento.
Ci troviamo a Cisanello, nel percorso pronto soccorso Covid e la mia mente viaggia nell'attesa, faccio riflessioni.
Portiamo via le persone dalle loro case e le trasferiamo da ospedale ad ospedale cercando di rassicurarle nel breve tragitto percorso, ma guardo i loro occhi e ascolto le loro parole e mi si riempie il cuore, non solo di rabbia, ma di dispiacere e sconforto.
Cerco di essere disponibile, mantenendo le distanze e prendendo i parametri per assicurarci la loro stabilità.
Sono persone, sono esseri umani. Noi siamo volontari, operatori sanitari, ma non è facile caricarci di così tante emozioni: la nostra mente ed il nostro corpo ne risentono.
La persona da noi trasportata è riuscita a salire in reparto qualche ora dopo.
La nosta vestizione completa è stata fatte alle 13.30, ma solo alle 19 ci siamo liberati da questo abbigliamento.
Era difficoltoso respirare e camminare. Ma la soddisfazione più grande è stata quando ho avuto il piacere di contattare il familiare e rassicurare che il proprio figlio fosse salito e in buone mani, pronto a ricevere le giuste cure.
Il ringraziamento e la voce tremante del padre è stata una rassicurazione del lavoro che facciamo.
 
Michela Massei,  Pubblica Assistenza Fornacette - Anpas
0
0
0
s2sdefault
powered by social2s

Su questo sito usiamo cookies per migliorare la tua esperienza di navigazione. Questi cookies sono essenziali per le funzionalità del sito. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy. I accept cookies from this site.