Psicologi Anpas: i familiari dei volontari

Volontari e operatori sanitari ma anche madri e padri alla ricerca di un equilibrio tra frustrazione, paura, gioia, tristezza e fatica

Attività di protezione civile Anpas

Manuela Cascetta , psicologa Anpas, spiega: "La comunicazione non verbale è composta dalla prossemica, dalla mimica, dai gesti e movimenti del corpo, contatto visivo, tatto, apparenza fisica, espressione del volto e ecologia comunicativa".

Volontari e operatori sanitari ma anche madri e padri alla ricerca di un equilibrio tra frustrazione, paura, gioia, tristezza e fatica. 

Operare in emergenza soprattutto in questo particolare momento significa per tanti volontari ed operatori sanitari affrontare, senza negarla, la complessità affettivo-emotiva insita nella relazione con i figli, rompendo equilibri già di per sè delicati.

Come li rappresentano nella loro mente questi genitori, i figli dei tanti volontari del settore sanitario? Spesso come degli eroi, proprio come i personaggi buoni delle fiabe che con coraggio forza e tenacia sconfiggono il male e riescono a far prevalere il buono. Probabilmente questo è l’unico modo disponibile ai più piccoli per tollerare l’assenza del genitore, la mancanza durante la giornata, il vuoto buio e silenzioso.

Diverse richieste di supporto psicologico ci arrivano da volontari impegnati in prima linea in questa emergenza, i quali ci riferiscono che tra i fattori stressanti da sopportare, con il relativo bagaglio emozionale, vi sono: isolamento e frustrazione; stress legato alle preoccupazioni inerenti la malattia, come quella di contrarre in prima persona il virus o che lo contraggano i propri cari e soprattutto i propri figli.

La crisi “genitoriale” che si tende a vivere ha in sé un potenziale: distrugge per ricreare qualcosa di nuovo, in un equilibrio con i propri figli migliore, nel rispetto del tempo passato e del momento presente che si sta vivendo. Affinchè sia davvero così, e che si possa trarre vantaggio dalla crisi, i volontari, nonché genitori, dovrebbero usare bene le proprie risorse, sperimentando e valorizzando le proprie energie di adattamento e flessibilità.

Fondamentale risulta essere la capacità di esprimere le proprie emozioni e condividerle con i propri figli, ascoltarli ed ascoltarsi, evitando così che diventino un tabù nella relazione che potrebbe invece, svolgere una funzione di cura e sostegno, trasformando la crisi  e donandosi la possibilità di operare una rinascita, un rinnovamento nella relazione genitori-figli. 

Oggi è il tempo di essere resilienti, utilizzando i propri vissuti così da poter elaborare nuove strategie per fronteggiare la crisi riscoprendo la bellezza ancora viva delle relazioni con i propri cari e i propri figli. Scoprire la propria resilienza significa anche percepire e sentire la necessità di avere il bisogno di chiedere aiuto quando i fattori di stress sembrano essere soverchianti e le fragilità profonde e difficili da gestire. 


di Manuela Cascetta, Psicologa Anpas 


Per i soccorritori e i sanitari che in questo momento di allentamento misto a tensione e attesa vogliono chiedere consiglio, gli psicologi dell’emergenza Anpas sono a disposizione email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Compilazione questionario proqol al link: https://forms.gle/ChLKony6VsUbrcho6

0
0
0
s2sdefault
  1. Twitter
  2. Facebook
  3. Instagram

Su questo sito usiamo cookies per migliorare la tua esperienza di navigazione. Questi cookies sono essenziali per le funzionalità del sito. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy. I accept cookies from this site.