I segni forti del fuoco: l’incidente di Viareggio e il soccorso dei volontari

I segni forti del fuoco: l’incidente di Viareggio e il soccorso dei volontari

IMG 3274

 

 

Il 29 giugno 2009 alle ore 23:48, nei pressi della stazione di Viareggio, un deragliamento del treno merci 50325 Trecate-Gricignano provocò un incendio di grandi proporzioni a causa della fuoriuscita di gas da una cisterna contenente GPL. In totale si contano 31 morti (33 contando i due deceduti per infarto) e 25 feriti.
I volontari della Croce Verde di Viareggio, colpiti anche loro dall’incendio data la vicinanza tra il luogo dell’incidente e la sede associativa, riuscirono a intervenire portando assistenza alle vittime.

 

Il racconto di Carla Vivoli, attuale presidente della Croce Verde e in turno con la quarta squadra la sera dell’incidente.


Molti dei volontari della Croce Verde si recano sul luogo dell’incendio sin quella che fu la “zona rossa” provvisoria. Viene allestito un PMA nella Questura, sul lato Monte. Molti dei mezzi vengono distrutti dall’incendio, gli stessi locali dell’associazione vengono danneggiati. Contemporaneamente arrivano mezzi delle pubbliche assistenze della Toscana a supporto.

 

 

 

“La Croce Verde porta i segni forti del fuoco, dello sgomento, delle prime vittime quasi sulla porta di casa, si sente nell'aria perfino l'odore della distruzione” ha scritto Milziadi Caprili (all’epoca presidente della Croce Verde). “Rimane lo sgomento di una tragedia che non ha niente di naturale, che non dipende dalla pioggia, o da un terremoto ma dal fatto che la sicurezza vien scambiata con il profitto; che i controlli sono rallentati e i controllori licenziati per esubero”, continua Caprili.“Se questo nostro lavoro dovesse servire a mantenere la memoria di quanto è accaduto saremmo già soddisfatti. Se poi si dovesse anche dire di noi, della passione dell’impegno delle nostre volontarie e dei nostri volontari, ne saremmo felici”.
Fonte: La Croce Verde Racconta - Testimonianze di una notte (Andrea Nardi-Marco Olivi)

 

 

        


Created with flickr slideshow.
0
0
0
s2sdefault
  1. Twitter
  2. Facebook
  3. Instagram

Su questo sito usiamo cookies per migliorare la tua esperienza di navigazione. Questi cookies sono essenziali per le funzionalità del sito. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy. I accept cookies from this site.