Cerca

Cerca
Close this search box.

La pubblica assistenza Anpas Volontari del Soccorso Cusio Sud Ovest organizza per sabato 26 novembre l’annuale cena sociale durante la quale verranno premiati i volontari con maggiori anni di servizio attivo in associazione.


Il programma prevede alle ore 18.30 la funzione religiosa in ricordo dei volontari defunti e la benedizione il nuovo defibrillatore donato dalla milite Marta Rossetto in memoria del marito Jack, nonché operatore della pubblica assistenza di San Maurizio d’Opaglio fin dai suoi inizi.
Alle ore 20 si terranno la cena sociale presso un ristorante di Briga Novarese e la premiazione dei militi. Riceveranno i riconoscimenti per i 25 anni di servizio i volontari Mario Picelli, Alberto Paini, Roberto Giacomini e Cristiano Mattiuzzi. Benemerenze anche a Manuela Piras e Mario Tacca per i 20 anni; mentre Sara Magistro e Clara Ienzi verranno premiate per i 10 anni di servizio.

La cena sociale fornirà anche l’occasione per ringraziare i volontari della pubblica assistenza Cusio Sud Ovest intervenuti durante l’emergenza terremoto in centro Italia: Elvio Allesina, Paola Boioli, Silvana Romagnoli, Cristina Vellano e Stefano Zampiero.

La pubblica assistenza Volontari del Soccorso Cusio Sud Ovest informa inoltre che il ricavato della XIII edizione della traversata del Lago d’Orta, svoltasi a luglio 2016, è stato interamente devoluto ad Emergency e all’Anpas per progetti di solidarietà.

Grazie alla manifestazione natatoria non agonistica e agonistica da Pella ad Orta San Giulio sono stati raccolti 7.885,52 euro. La parte di contributo devoluta ad Anpas, 3.942,76 euro, è stata destinata al sostegno dell’intervento a favore degli orfanotrofi in Mali.

Come spiega Luigi Negroni, responsabile Anpas per la Cooperazione e adozioni internazionali: «La situazione dei bambini in Mali è infatti molto critica. Di recente è stato aperto anche un nuovo orfanotrofio per rispondere alle tante segnalazioni di bambini privi di tutela a cui le strutture esistenti, già sovraffollate, non potevano più far fronte. Le necessità che ci vengono segnalate sono le più immediate: cibo, medicine, pannolini e prodotti per l’igiene. Il Mali sta lavorando a una riapertura delle adozioni internazionali che porterebbe gradualmente alla normalizzazione della situazione, ma nel frattempo il sostegno della pubblica assistenza di San Maurizio D’Opaglio permette di alleviare una situazione davvero pesante di mancanza anche dell’essenziale. Una penuria di beni di prima necessità che ha fatto crescere i casi di bambini ammalati e peggiorato le loro condizioni di vita».

Presidente Volontari del Soccorso Cusio Sud Ovest, Ada Pollini: «L’idea di cooperare a sostegno degli orfanotrofi in Mali, in Africa, è stata la logica conseguenza dell’impegno sociale che da anni contraddistingue la pubblica assistenza Cusio Sud Ovest. Dopo il quotidiano impegno sociale sul nostro territorio, dopo il banco alimentare, la sezione sportiva dedicata alla pallavolo, il teatro amatoriale, sentivamo l’esigenza di allargare i nostri confini sostenendo i progetti di cooperazione proposti da Anpas e in particolare ci ha colpito la situazione del Mali, uno dei paesi più poveri al mondo, colpito dalla guerra, dalla siccità, dalla fame e dall’alto tasso di mortalità infantile».
Nell’ultimo anno la pubblica assistenza Anpas di San Maurizio d’Opaglio grazie all’impegno di 235 volontari di 8 dipendenti, ha effettuato 10.282 servizi divisi fra prestazioni convenzionate con le Aziende sanitarie locali, servizi d’istituto, servizi di emergenza 118 e servizi di protezione civile con una percorrenza di 449mila chilometri.

Torna in alto