Franco Gabrielli al Congresso 52, 28 novembre

«È estremamente importante definire politiche che mirino a includere le autorità locali e le comunità nel complesso ciclo della gestione dei rischi, promuovendo l’impegno e la leadership dei singoli territori. Per questo, crediamo che pianificare per tempo, a livello nazionale, strategie per la riduzione dei rischi da disastri sia la strada vincente da percorrere. Ovviamente, per essere efficaci, queste strategie devono essere supportate attraverso l'implementazione delle politiche di governo a ogni livello e da una disponibilità costante e adeguata di risorse».

Così è intervenuto il Capo del Dipartimento della Protezione Civile, Franco Gabrielli, nel corso dei lavori della terza Conferenza mondiale delle Nazioni Unite sulla riduzione del rischio da disastri, in corso in questi giorni in Giappone, a Sendai. Obiettivo dell’evento – che si concluderà il 18 marzo e al quale stanno partecipando rappresentanti di Stati, organizzazioni non governative, della comunità scientifica e del settore privato – è completare la valutazione e la revisione del piano decennale (2005-2015) Hyogo Framework for Action e adottare, a livello globale, la migliore strategia possibile per raggiungere, nei prossimi quindici anni, risultati concreti in materia di sviluppo sostenibile e incremento delle capacità di resilienza dei territori esposti ai rischi.

Il Prefetto Gabrielli ha preso parte, tra l’altro, ai lavori delle sessioni ministeriali “Governare il rischio da disastri: le sfide da affrontare” e “Riduzione dei rischi di disastri nei contesti urbani”. «Anche sulla base delle più recenti emergenze che abbiamo avuto in Italia, è chiaro come gli sforzi e le difficoltà che si affrontano già oggi, soprattutto a livello locale, aumenteranno in futuro se non si investe adeguatamente e in modo coerente in tutte le fasi del ciclo di protezione civile, dalla previsione e prevenzione alla gestione dell’emergenza» ha detto ancora il Capo del Dipartimento.

«È chiaro come il concetto di resilienza nei contesti urbani debba entrare sempre più nelle agende dei governanti e nella cultura quotidiana dei cittadini: dobbiamo investire, con pazienza, in strategie che permettano di diffondere e radicare nelle comunità una matura cultura della prevenzione, recuperando la memoria del passato, dei disastri, per far crescere la consapevolezza dei rischi esistenti sui territori, soprattutto tra i più giovani».

Si apre domani a Sendai, in Giappone, la terza Conferenza mondiale delle Nazioni Unite sulla riduzione del rischio da disastri. Scopo dell’evento, che si concluderà il 18 marzo, è trovare proprio, a livello globale, la migliore strategia possibile per raggiungere risultati concreti in materia di sviluppo sostenibile e incremento delle capacità di resilienza dei territori esposti ai rischi, mediante l’adozione di un nuovo quadro d’azione – che sostituirà quello adottato nella conferenza mondiale del 2005 – che indichi gli obiettivi strategici e i settori prioritari d’intervento nei prossimi quindici anni. Secondo i recenti rapporti prodotti dall’Ufficio dell’ONU per la riduzione del rischio (UNISDR, United Nations Office for Disaster Risk Reduction), anche negli ultimi dieci anni la frequenza e gli effetti delle catastrofi e delle emergenze sono decisamente cresciuti, con costi derivati che raggiungono ormai la cifra di circa 300 miliardi di dollari l’anno. È in questo contesto che assumono sempre maggiore importanza le attività di prevenzione, pianificazione e preparazione, al fine di ridurre la portata delle catastrofi e renderne più efficiente la gestione. Ai lavori della Conferenza parteciperanno rappresentanti di Stati e organizzazioni non governative, nonché della comunità scientifica e del settore privato.

Il Capo del Dipartimento della Protezione civile, Franco Gabrielli, sarà presente nella giornata di lunedì 16 marzo, quando interverrà, tra l’altro, ai lavori delle sessioni ministeriale “Governare il rischio da disastri: le sfide da affrontare” e “Riduzione dei rischi di disastri nei contesti urbani”. «In materia di politiche di riduzione dei disastri non ci sono modelli unici che possano andare bene per tutti gli Stati», sostiene il Prefetto Gabrielli. «Ogni Paese deve adottare le strategie migliori in base alle proprie priorità e necessità, ma fondamentale è una forte e comune strategia di intervento prospettico per la riduzione dei rischi a livello globale. Dobbiamo convintamente lavorare sul piano della preparazione e della pianificazione, incrementando le politiche di educazione e informazione rivolte ai cittadini, affinché cresca quanto più possibile la consapevolezza della singola persona: in protezione civile, infatti, l’azione corretta che ognuno di noi può mettere in campo si rivela spesso determinante per la gestione complessiva degli eventi calamitosi».

Fonte DIpartimento Nazionale Protezione civile

 

 

 Appunti di resilienza: il videodoc di Anpas con Alessandro Bergonzoni, Maino Benatti (sindaco di Mirandola) e Marco Mucciarelli (sismologo)

0
0
0
s2sdefault

Su questo sito usiamo cookies per migliorare la tua esperienza di navigazione. Questi cookies sono essenziali per le funzionalità del sito. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy. I accept cookies from this site.