LEGGE DI STABILITA' E SERVIZIO CIVILE NAZIONALE:

IL POSITIVO AUMENTO DEL FINANZIAMENTO NON DEVE LIMITARSI AL SOLO 2014.

LA CNESC CHIEDE FINANZIAMENTI ADEGUATI PER IL TRIENNIO

 

Comunicato stampa: Ringraziamo il Governo e la ministra Kyenge per il significativo segnale di inversione di tendenza, contenuto nella proposta di legge di stabilità, rispetto al finanziamento del servizio civile nazionale, per il 2014. Passare dai 76 ml di euro previsti dalla legge di stabilità del 2013 ai 105 ml di euro per il 2014 è una piccola boccata d'ossigeno per tanti giovani che vogliono fare questa esperienza. Non sono ancora i numeri che riteniamo essenziali per rendere sostenibile il sistema, ovvero circa 270 ml di euro per assicurare l'esperienza di SCN ad almeno 40.000 giovani, ma apprezziamo questo primo importante segnale del Governo di voler investire nuovamente su un istituto cui le ultime leggi di stabilità avevano dato solo riduzioni finanziarie.

Vediamo con preoccupazione però che questa inversione di tendenza è incomprensibilmente garantita solo per il 2014: i circa 73 ml di euro previsti per ciascuno dei due anni successivi sono assolutamente inadeguati.

Per questo chiediamo alle Commissioni di Camera e Senato e al Parlamento intero che per il triennio vengano garantiti fondi sufficienti per stabilizzare il SCN con almeno 40.000 posti annui.

 

Roma, 24 ottobre 2013

 

CNESC

0
0
0
s2sdefault

Su questo sito usiamo cookies per migliorare la tua esperienza di navigazione. Questi cookies sono essenziali per le funzionalità del sito. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy. I accept cookies from this site.