L’APPELLO AL GOVERNO PER FINANZIARE I PROGETTI 2020

 

Anpas aderisce all’appello #centopercentoserviziocivile lanciato dalla Rappresentanza Nazionale degli Operatori Volontari in Servizio Civile perché indica un obiettivo concreto con effetti universali, farebbe arrivare, in modo tracciato, nelle tasche dei giovani soldi preziosi, dando concretezza a tante affermazioni di principio. Quanto previsto nel decreto “Rilancio” (art.15, comma 1 del Decreto-legge n.34) è sicuramente un buon inizio, ma serve un segnale deciso da parte del Governo: #centopercentoserviziocivile. Pur apprezzando infatti la dotazione aggiuntiva di 20 milioni di euro, chiediamo un sostegno chiaro e definitivo per il fondo del Servizio Civile

"Mai come in questo periodo di emergenza è stato possibile toccare con mano il valore umano e l’apporto concreto che i volontari del servizio civile hanno saputo portare nelle nostre comunità" ha affermato Niccolò Mancini, vicepresidente di Anpas. "Oggi, mentre parliamo di una nuova partenza, dovremmo pensare a creare opportunità per una società sempre più resiliente, consapevole, responsabile, attenta ai bisogni dei più fragili ed all’interesse comune e sostenibile. Il Servizio Civile offre questa opportunità. Sosteniamolo! CentoXCentoServizioCivile"

Il testo dell'appello

IL GOVERNO ha oggi un’occasione unica per dispiegare tempestivamente un enorme contingente di ulteriori volontari per contribuire a rispondere concretamente all’emergenza in atto: finanziare i progetti che saranno depositati entro il prossimo 29 maggio dagli Enti che quotidianamente accolgono per conto dello Stato i volontari, agevolando il Dipartimento per il Servizio Civile che potrà concentrarsi sulla sola verifica di idoneità dei progetti, risparmiando tempo prezioso e permettendo così un nuovo bando per i giovani in autunno.

Questo sforzo costituirà un duplice investimento: l’impiego dei volontari nella difesa non armata e nonviolenta della Patria farà del Servizio Civile un supporto concreto alla ripartenza del Paese e al contempo una straordinaria opportunità di crescita per i giovani, rafforzandone lo spirito di appartenenza alla nostra Repubblica.

Dimezzare oggi il contingente di volontari significherebbe perdere il potenziale dei giovani per superare la crisi e costruire un Paese più unito e solidale.
Chiediamo quindi al Presidente Conte e al Ministro Spadafora di finanziare tutti i progetti ammessi depositati a maggio.
Nella lotta al virus, mettiamo in campo non la metà, ma il CENTOxcentoserviziocivile

 

FIRMA LA PETIZIONE 

petizione SC

 

 

Comunicato CNESC

Comunicato CNESC - 21 maggio 2020  PRIMO SEGNALE POSITIVO DAL GOVERNO VERSO IL SERVIZIO CIVILE UNIVERSALE La dotazione aggiuntiva di 20 milioni di euro per il fondo del Servizio Civile, stabilita all’art.15, comma 1 del Decreto-legge n.34 “Rilancio” è un fatto positivo.

 Il Governo ha dato un primo segnale di attenzione al Servizio Civile Universale. Il vulnus di una totale dimenticanza è superato e questo è positivo ed un ringraziamento per questo primo passo è doveroso. È però consapevolezza comune che questo è un passo parziale per arrivare alla copertura di un contingente 2020 di 50.000 posti, ancora di più per rispondere all’Appello #CentoxCentoServizioCivile - cui la Cnesc aderisce - lanciato dalla Rappresentanza Nazionale degli Operatori Volontari. Durante il percorso parlamentare opereremo assieme al Governo, ai gruppi parlamentari e alle rappresentanze sociali, affinché sia raggiunto l’obiettivo di incrementare i fondi necessari per finanziare tutti i progetti che saranno presentati a fine maggio.

0
0
0
s2sdefault

Su questo sito usiamo cookies per migliorare la tua esperienza di navigazione. Questi cookies sono essenziali per le funzionalità del sito. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy. I accept cookies from this site.