Cerca

Cerca
Close this search box.

I VOLONTARI DEL SOCCORSO ENTRANO IN RETE PROTEZIONE CIVILE NAZIONALE Anpas

Un importante incontro conoscitivo per le Organizzazioni di Volontariato del Soccorso Valdostane associate Anpas, il movimento nazionale che unisce le pubbliche assistenze di tutta Italia.

 

Incontro Lumello Valle D'Aosta

Lunedì 28 febbraio 2011 presso la sala espositiva dell’ex Hotel Londres di Châtillon, alla presenza di Marco Lumello della Sala Operativa Nazionale della Protezione Civile Nazionale Anpas, è stata illustrata ai Volontari valdostani l’attività della complessa macchina dei soccorsi piemontese al servizio della popolazione più giovane. Proprio all’infanzia è infatti dedicata l’attenzione della struttura piemontese che, grazie all’aiuto di 6 associazioni con base nel torinese, garantisce un rifugio sicuro e sereno ai bambini durante le maxi emergenze.

 

La struttura è composta da 4 moduli dediti a nursery, zona ludica e zona per attività educative e scolastiche, tutti interamente illuminati e climatizzati. La messa in opera della struttura viene affidata alla SOR (sala operativa regionale) dell’Anpas Piemonte la quale contatta i volontari disponibili secondo un

calendario di reperibilità. I Volontari, coordinati dal personale della Sala Operativa, provvedono a trasportare ed installare la struttura protetta entro 24 dalla richiesta. A tale proposito la Federazione Regionale delle Organizzazioni di Volontariato del Soccorso della Valle d’Aosta ha individuato nel signor Marco LumelloDiego Peaquin, volontario con pluriennale esperienza, la persona adatta a seguire l’intenso percorso formativo per Operatore di Sala Operativa Nazionale. A termine di questo percorso il volontario avrà come primo incarico proprio quello di creare una Sala Operativa Regionale in Valle d’Aosta.

 

A poco più di un anno dall’adesione ad Anpas ecco giungere quindi una nuova apertura per lo sviluppo del sistema valdostano del soccorso, permettendo agli operatori volontari una seria crescita professionale spendibile in ambito comunale, regionale e nazionale.

 

Aosta, 1 marzo 2011

 

 

Torna in alto