1. facebook
  2. twitter
  3. Instagram
  4. 5 per mille: la mappa delle sedi Anpas

Juventus Football Club assegna all’Anpas (Associazione Nazionale Pubbliche Assistenze) l’assistenza sanitaria allo Juventus Stadium per gli anni 2014-2017.


Anpas Piemonte ha svolto con successo, a fine agosto, una simulazione di intervento per testare la macchina dei soccorsi in attesa delle partite del Campionato di Serie A, della Coppa Italia e della Uefa Champions League, nonché delle eventuali amichevoli che la Società deciderà di organizzare presso la propria struttura.

«Nuovo importante riconoscimento della professionalità dei volontari piemontesi – ha dichiarato Andrea Bonizzoli, presidente Anpas Piemonte – l’assistenza sanitaria in uno dei più prestigiosi stadi italiani sarà momento di crescita e aggregazione per i nostri volontari. Ringraziamo lo staff della Juventus che insieme al direttore sanitario Simone Furlan hanno messo a punto e implementato il piano sanitario proposto».

Per Simone Furlan, direttore sanitario dell’Anpas Piemonte: «Questo risultato, che segna certamente l'inizio di una bella e proficua collaborazione con Juventus Football Club, è insieme riconoscimento di anni di lavoro puntuale in campo sanitario e stimolo al miglioramento nella gestione di eventi di massa».

Secondo il piano dell’assistenza predisposto dal direttore sanitario dell’Anpas Piemonte, Simone Furlan, condiviso con il Dipartimento Interaziendale Emergenza Sanitaria 118 Regione Piemonte, Anpas interverrà a ogni singolo evento sportivo con circa 90 volontari soccorritori tutti in possesso di certificato dalla Regione Piemonte secondo lo standard formativo regionale, sei coordinatori, sette medici esperti in emergenza, di cui tre anestesisti rianimatori, e otto infermieri di area critica. Oltre cento di persone in tutto.

Una complessa catena di comando in capo all’Anpas Piemonte che non lascerà nulla al caso e che prevede due figure di vertice altamente professionali con esperienza nella gestione di eventi di massa: il direttore dei soccorsi, medico o infermiere, che sarà il responsabile di tutta l’assistenza alla manifestazione e il direttore tecnico che gestirà direttamente la componente volontaria e la movimentazione delle ambulanze e delle squadre.
Tutte le comunicazioni all’interno Juventus Stadium fra squadre a piedi, ambulanze, ambulatori, coordinatori avverranno via radio.

I volontari Anpas saranno dislocati in 18 squadre a piedi dotate di defibrillatore. Le squadre saranno divise fra le tribune e il bordo campo. In tutti i nove ambulatori dello Juventus Stadium oltre al personale sanitario saranno inoltre presenti volontari soccorritori abilitati all’uso del defibrillatore semiautomatico esterno.
Durante ogni partita verranno utilizzate tre ambulanze di base e tre mezzi di soccorso avanzato.

Anpas Piemonte garantirà inoltre l’assistenza sanitaria allo Juventus Museum tutti i sabati, le domeniche e i festivi con un’ambulanza di base ed equipaggio.

L'assistenza di Anpas allo Juventus Stadium








L'Anpas (Associazione nazionale pubbliche assistenze) Comitato Regionale Piemonte rappresenta oggi 79 associazioni di volontariato con 11 sezioni distaccate, 9.140 militi (di cui 3.252 donne) e 350 dipendenti che, con 391 autoambulanze, 137 automezzi per il trasporto disabili, 210 automezzi per il trasporto persone e di protezione civile, 5 imbarcazioni e 23 unità cinofile svolgono annualmente 406.477 servizi con una percorrenza complessiva di oltre 13 milioni di chilometri.

 
  1. youtube
  2. flickr
Terremoto centro Italia, l'intervento Anpas

Video Anpas

 

L’Associazione Nazionale Pubbliche Assistenze
è una organizzazione laica,
fatta da volontari che, ogni giorno,
costruiscono una società più giusta e solidale
attraverso lo sviluppo di una cultura 
della solidarietà e dei diritti
la creazione di comunità solidali
in Italia e all’estero

trova la pubblica assistenza Anpas più vicina 

diventa volontaria/o

 

 

 

 

 

 

 

 

 

ANPAS IN NUMERI 89789 volontari, 351036 soci, 3171 dipedenti, più di 2000 volontari in servizio civile, 880 pubbliche assistenze, 7135 mezzi, 118 piazze Io non rischio, 9 progetti di cooperazione in 7 paesi del mondo, 843 ragazzi in 27 campi scuola Anch’io sono la protezione civile

 

 

Su questo sito usiamo cookies per migliorare la tua esperienza di navigazione. Questi cookies sono essenziali per le funzionalità del sito. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy. I accept cookies from this site.