1. facebook
  2. twitter
  3. Instagram
  4. 5 per mille: la mappa delle sedi Anpas

I marsi: sette giorni di protezione civile e partecipazione tra memoria e futuro della Marsica.

 

I video dell'esercitazione youtube

Oltre settecento tra volontari Anpas provenienti non solo dall’Abruzzo, funzionari di Regione Abruzzo e otto Comuni della Marsica, tecnici ed esperti OGN/RELUISS/INGV, geologi e geometri sono stati i protagonisti de “I marsi 2015”, dal 21 al 27 settembre della sette giorni in programma nella Marsica.

Nel centenario del terremoto della Marsica, sette giorni di eventi, esercitazioni di protezione civile, convegni, laboratori interattivi e incontri con le scuole, formazione per volontari e istituzioni, test dei piani di emergenza di protezione civile, analisi della Condizione Limite per l’Emergenza (CLE).

Passa il tempo, trema la terra, ma non la volontà delle genti” è il tema che ha caratterizzato l'evento, a cento anni dal terremoto, con l'obiettivo di migliorare la resilienza delle comunità che vivono e partecipano sul territorio. Dal montaggio del campo base che ha ospitato oltre 600 volontari (allestito nell’antistadio dello stadio dei Marsi - Avezzano), alla maxiesercitazione che si è svlta tra la notte di venerdì 25 e sabato 26 settembre, passando per la formazione dei volontari e i laboratori nelle scuole: una macchina organizzativa che lavora a questo evento da circa un anno e che ha visto il momento più rappresentativo sabato 26 settembre con la sfilata per le vie di Avezzano.

La collaborazione del comune di Avezzano. L'amministrazione comunale di Avezzano, con in testa il sindaco Giovanni Di Pangrazio e l'assessore Alessandra Cerone, ha avvertito immediatamente l'esigenza di collaborare con l'Anpas nell'organizzare le sette giornate di Protezione Civile per celebrare degnamente il Centenario del devastante terremoto che rase al suolo la nostra città, i centri della Marsica, causando 30 mila vittime.

«Sin dall’inizio abbiamo visto una bella partecipazione e coinvolgimento da parte dei Volontari, ossatura di questa manifestazione, a cui si sono uniti una serie di enti ed organizzazioni, composte pur sempre da Persone», dichiara il presidente di Anpas Abruzzo Serafino Montaldi. «Perché in fondo questo siamo: persone che vestono ruoli e attività diverse, ma con lo stesso spirito e la stessa volontà di voler “Ingentilire i Cuori”, con la stessa volontà di non arrendersi, e con la forza di rialzarsi tipica delle “Nostri Genti d'Abruzzo"» 

Hanno preso parte all’organizzazione: Anpas Abruzzo e Anpas Lazio, Protezione Civile Regione Abruzzo, 118 L’Aquila Soccorso, le amministrazioni comunali di Avezzano, Civita d'Antino, Civitella Roveto, Pescina, Morino, Magliano de’Marsi, Canistro, Vigili del Fuoco, Associazioni locali di Protezione Civile/Soccorso Sanit.

 
I marsi cartolina

I marsi - la galleria fotografica flickr


Created with flickr slideshow.


Archivio storico Anpas - Il terremoto della Marsica 1915 e l'intervento delle pubbliche assistenze


Created with flickr slideshow.

 


Faranpas - l'esercitazione  2014

I briganti del soccorso - l'esercitazione del maggio 2014
  1. youtube
  2. flickr
Terremoto centro Italia, l'intervento Anpas

Video Anpas

 

L’Associazione Nazionale Pubbliche Assistenze
è una organizzazione laica,
fatta da volontari che, ogni giorno,
costruiscono una società più giusta e solidale
attraverso lo sviluppo di una cultura 
della solidarietà e dei diritti
la creazione di comunità solidali
in Italia e all’estero

trova la pubblica assistenza Anpas più vicina 

diventa volontaria/o

 

 

 

 

 

 

 

 

 

ANPAS IN NUMERI 89789 volontari, 351036 soci, 3171 dipedenti, più di 2000 volontari in servizio civile, 880 pubbliche assistenze, 7135 mezzi, 118 piazze Io non rischio, 9 progetti di cooperazione in 7 paesi del mondo, 843 ragazzi in 27 campi scuola Anch’io sono la protezione civile

 

 

Su questo sito usiamo cookies per migliorare la tua esperienza di navigazione. Questi cookies sono essenziali per le funzionalità del sito. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy. I accept cookies from this site.