La valigia Blu di Lidia

Appoggio la mia valigia Blu sul suolo del Campo Costa di Mirandola sabato 11 agosto alle ore 10:30, la miavaligia Blu come la maglia dell’associazione a cui appartengo da pochi mesi, la Blu Soccorso di Lusia, carica (non nego) di dubbi e di incertezze.

Io, neofita del mio gruppo, investita di questa fiducia, sento forte il bisogno di non tradirla: per questo porterò nella mia volontà e nelle mie braccia, che saranno il mio strumento, ogni mio compagno. Ci accolgono i volontari che stanno lasciando il loro posto a noi. Hanno un sorriso difficile da spiegare, ma capirò. Alla fine capirò.

Sono con Gianna mia compagna di questa avventura. Alice ci raggiungerà nel pomeriggio. C’è fermento. Alcuni ospiti del campo assistono a queste scene che si susseguono oramai da mesi: un po’ del loro affetto e delle loro speranze se ne va con i volontari che lasciano il campo, mentre i bambini inconsapevoli già ci girano intorno e ci chiedono i nostri nomi.

Veniamo convocati subito per il “briefing”. Ci ricordano che il Xlll contingente è un gruppo ridotto rispetto a quelli che ci hanno preceduto, ma il campo è ben avviato e strutturato: il lavoro comunque non mancherà e sarà tanto!

Lidia al campo Costa

Ci vengono affidati i ruoli: chi alla logistica, chi alla segreteria, chi alla cucina... Ma ben presto capirò che qui non ci sono ruoli perché il lavoro di ogni uno è il lavoro di tutti. E dove la stanchezza non permetterà di arrivare lo farà la volontà dell’altro! Decido di stare con il gruppo della cucina, cuore pulsante di tutto il campo. Conosco i miei compagni: “Ciao, sono Barbara, Giovanna, Franco, Katia”. Nomi che subito prendono un volto e diventano casa. Quella casa che ho lasciato ma che qui ritrovo subito: Toscana, Veneto, Sicilia, diventano un’unica regione.

Si parte. Qui nulla si ferma mai: nel Campo Anpas di Mirandola convivono ospiti di diverse culture, in questo contesto si è molto creduto ad un progetto di integrazione che qui ha trovato una sua realizzazione. Proprio per questo nel Campo Costa in questa settimana la Confederazione Islamica Italiana e la Comunità Marocchina residente, spezzeranno il digiuno(iftar) in occasione del Ramadan, sarà un’esperienza molto bella. Incredibile vedere come intorno ad untavolo gli animi si plachino! Arriva la sera del primo giorno, la stanchezza è tanta ma è seconda alla gratificazione che provo dentro, la schiena appoggiata alla branda che sarà il mio letto nel tempo cherimarrò fa male, ma lo spirito è leggero e il cuore carico.

La settimana trascorrerà veloce fra qualche momento difficile stemperato da un abbraccio e da un “dai possiamo farcela”.

Nei pochi momenti liberi sitrova il tempo per conoscerci un po’. Scopro vite semplici, uomini e donne capaci, oneste, vere, spinte da un unico scopo: dare un pò di se stessi per rendere possibile la condivisione dove sembra che la vita non voglia fare sconti al dolore. Presto il Campo Costa di Mirandola come altri in questa terra di Emilia saranno smontati, le macchie azzurre che sono state le case di tanta gente accolta e dei tanti volontari che qui sonopassati , spariranno, lasceranno il posto a ciò che questo pezzo di terra era stato. Cosa rimarrà? Rimarrannoi colori, l’azzurro di quei tetti effimeri mescolato all’arancione delle divise , l’odore del cibo mescolato alprofumo dei panni stesi ad asciugare sui fili di una tenda, le voci di bambini e i loro echi, il rumore, ilrumore dei passi di chi come me ha camminato dentro ai suoi scarponi su terra spezzata, rumore di passiarrivati pesanti che si sono fatti via via più leggeri, come piedi nudi, fino a fare silenzio, quel silenzio chelascia solo una traccia, ma spesso una traccia è quello che basta. Ora la mia valigia blu è tornata a casa, svuotata dei dubbi e delle incertezze ma riempita della consapevolezza che nulla di ciò che fa un volontario è straordinario. Qualcuno dice che nello spirito del dare ci sia un bisogno nascosto di ricevere , forse èvero, forse è proprio così, ora capisco e quei sorrisi hanno trovato il loro senso.

 

Lidia al campo Costa

 

 

Anpas intervention for the earthquake in Emilia Romagna


Come aiutare le Pubbliche Assistenze Anpas colpite dal sisma


I racconti dei volontari
                        

Le storie di Aldo, dal campo di Mirandola

Il 20 maggio di Valentina

Noi, sciacalli di emozioni, di Rosanna Morelli

Campo Costa Timbuktu, di Alessandro Nassisi

Campo Costa: un laboratorio multiculturale, di Rosanna Morelli

Qui per dare tanto: la settimana di Fabio

Un'antropologa al campo: l'esperienza di Rita

Le emozioni di Michela

La storia di Fabio e Elena

L'isola che non c'è

Il gradino di Nicole

Maria e Andrea dal campo di Novi

La settimana-imbuto di Enzo

Sconcerto d'amore a Mirandola

La struttura protetta del campo di Mirandola (foto)

Tante care cose, di Valentina Tienghi

La valigia blu di Lidia

Un tetto azzurro come il cielo

Ciao Fiorenzo


Anpas all'Hackathon terremoto (Bologna, 16-17 giugno)


La struttura protetta del campo di Mirandola (foto)


I Gas dei volontari Anpas: un sostegno alle aziende


La cucina del Campo Costa (video)
                                           

Di terremoti, false leggende e info utili (approfondimento)

                 

Anpas a lavoro a poche ore dal sisma

 

 

COSA FARE IN CASO DI TERREMOTO

Durante il terremoto
• Se sei in luogo chiuso cerca riparo nel vano di una porta inserita in un muro portante (quelli più spessi) o sotto una trave.  Ti può proteggere da eventuali crolli
• Riparati sotto un tavolo.  E’ pericoloso stare vicino ai mobili, oggetti pesanti e vetri che potrebbero caderti addosso
• Non precipitarti verso le scale e non usare l’ascensore.  Talvolta le scale sono la parte più debole dell’edificio e l’ascensore può bloccarsi e impedirti di uscire
• Se sei in auto, non sostare in prossimità di ponti, di terreni franosi o di spiagge.  Potrebbero lesionarsi o crollare o essere investiti da onde di tsunami
• Se sei all’aperto, allontanati da costruzioni e linee elettriche.  Potrebbero crollare

• Stai lontano da impianti industriali e linee elettriche.  E’ possibile che si verifichino incidenti
• Stai lontano dai bordi dei laghi e dalle spiagge marine.  Si possono verificare onde di tsunami
• Evita di andare in giro a curiosare e raggiungi le aree di attesa individuate dal piano di emergenza comunale.  Bisogna evitare di avvicinarsi ai pericoli
• Evita di usare il telefono e l’automobile.  E’ necessario lasciare le linee telefoniche e le strade libere per non intralciare i soccorsi Dopo il terremoto

• Assicurati dello stato di salute delle persone attorno a te. Così aiuti chi si trova in difficoltà ed agevoli l’opera di soccorso
• Non cercare di muovere persone ferite gravemente.  Potresti aggravare le loro condizioni
• Esci con prudenza indossando le scarpe.  In strada potresti ferirti con vetri rotti e calcinacci
• Raggiungi uno spazio aperto, lontano da edifici e da strutture pericolanti.  Potrebbero caderti addosso

iononrischiohome

Prima del terremoto
• Informati sulla classificazione sismica del comune in cui risiedi.  Devi sapere quali norme adottare per le costruzioni, a chi fare riferimento e quali misure sono previste in caso di emergenza
• Informati su dove si trovano e su come si chiudono i rubinetti di gas, acqua e gli interruttori della luce.  Tali impianti potrebbero subire danni durante il terremoto

• Evita di tenere gli oggetti pesanti su mensole e scaffali particolarmente alti. Fissa al muro gli arredi più pesanti perché potrebbero caderti addosso

• Tieni in casa una cassetta di pronto soccorso, una torcia elettrica, una radio a pile, un estintore ed assicurati che ogni componente della famiglia sappia dove sono riposti

• A scuola o sul luogo di lavoro informati se è stato predisposto un piano di emergenza.  Perché seguendo le istruzioni puoi collaborare alla gestione dell’emergenza


Terremoto: io non rischio

Clicca per ulteriori descrizioni dell'iniziatva promossa da Protezione Civile e ANPAS, in collaborazione con INGV e ReLUIS (Consorzio della Rete dei Laboratori Universitari di Ingegneria Sismica).

Scarica il materiale di "Terremoto-Io non rischio", prodotto nell'ambito del progetto Edurisk con la collaborazione di Giunti Progetti Educativi:


La pagina in inglese

0
0
0
s2sdefault
powered by social2s

Su questo sito usiamo cookies per migliorare la tua esperienza di navigazione. Questi cookies sono essenziali per le funzionalità del sito. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy. I accept cookies from this site.