Terremoto centro Italia, 26-30 ottobre: l'intervento dei volontari Anpas

 

A seguito degli eventi sismici registrati il 30 ottobre nell’Italia Centrale, i volontari Anpas continuano a portare assistenza alla popolazione nelle zone colpite dal sisma in collaborazione con le istituzioni locali e nazionali. In particolare sono oltre cento i volontari soccorritori, psicologi dell’emergenza, medici, cinofili, loggiati, idraulici, infermieri e operatori di protezione civile che stanno operando dal 26 ottobre nei territori colpiti di Umbria e Marche zone colpite coordinati dalla sala operativa nazionale aperta pochi minuti dopo l’inizio della sequenza sismica. 

 

Norcia: l'assistenza dei volontari Anpas

Oltre al primo soccorso portato nelle zone colpite dal terremoto dalle pubbliche assistenze dell’Umbria, a Norcia i volontari della colonna mobile nazionale Anpas si stanno occupando della distribuzione dei pasti con il modulo cucina comprendente anche la mensa installato il 26 ottobre scorso e che nella giornata di ieri ha preparato e e distribuito oltre 1500 pasti. Inoltre è stata effettuata la distribuzione dei medicinali, l’assistenza sanitaria e il soccorso agli animali domestici, oltre al servizio di accompagnamento e assistenza alle persone che si sono trasferite sulla costa e o nelle regioni limitrofe per garantire loro una sistemazione adeguata. A Foligno e Macerata i volontari Anpas hanno allestito due aree di ammassamento per i soccorsi

Nelle Marche i volontari delle pubbliche assistenze Anpas, hanno preso parte al coordinamento dei soccorsi nella postazione della Sala Operativa Unificata Permanente (SOUP) del Dipartimento della Protezione Civile Marche. Una cucina mobile e una postazione di soccorso (formata da ambulanza e un mezzo per trasporto disabili) sono stati installati presso il Comune di Pievetorina (MC). Un’ambulanza presente anche a Camerino. Ad Ancona sono quaranta i volontari Anpas, tra cui due psicologi dell’emergenza, impegnati nelle prime ore al censimento e all’assistenza alla popolazione.
Nella mattinata di oggi i volontari Anpas stanno provvedendo all’istallazione di una ulteriore tensostruttura nel comune di Cingoli, provincia di Macerata.

Anche in ragione dell’ampiezza dell’area interessata dalla sequenza sismica, i dati, raccolti alle ore 6 odierne, sono da considerarsi in continua evoluzione e aggiornamento.

È attivo il numero verde 800.840.840 del Dipartimento della Protezione Civile che fornisce informazioni in base agli aggiornamenti del Comitato Operativo riunito nella sede del Dipartimento della Protezione Civile e la sala operativa della Protezione civile Lazio è 803555, la sala operativa regionale unica Regione Umbria 0742630777


30 ottobre ore 15.30Continua a Norcia l'impegno dei volontari Anpas con il soccorso alle persone, il supporto psicologico, la distribuzione farmaci, assistenza agli animali domestici.

Norcia: l'assistenza dei volontari Anpas

Anpas Marche è intervenuta immediatamente dopo il sisma. Nella notte del 26/10 hanno cominciato ad essere allertate le risorse richieste.
Alle ore 8 sette volontari delle associazioni Anpas Marche sono partiti alla volta di Foligno in risposta alle richieste della Sala Operativa Nazionale ANpas.
Dodici volontari sono partiti alle 11.00 per installare la cucina mobile presso il Comune di Pievetorina (MC), iniziando a servire la cena. In data odierna dieci volontari hanno dato il cambio al primo contingente.
Il 27/10 è stata attivata una postazione temporanea con n. 1 ambulanza e n. 1 pullmino disabili a Pievetorina, che è rimasta in servizio fino alle ore 15.00 del 28/10.
A partire dalle ore 18.00 del 28/10 è stata attivata una postazione con n. 1 ambulanza a Camerino, tutt’ora operativa e fino a nuovo ordine.
È stata anche attivata l’equipe per il supporto psicologico, con base a Pievetorina, a servizio di questo e dei comuni limitrofi.
Tutte le attività regionali vengono programmate al tavolo della funzione 2 Sanità ed al Comitato Operativo Regionale.


29 ottobre. Sono sessantotto i volontari che fino ad oggi hanno portato assistenza alla popolazione intervenendo a Norcia nelle zone colpite dal terremoto del 26 ottobre con la colonna mobile nazionale di protezione civile Anpas: cuochi, addetti alla cucina e alla distribuzione pasti, ma anche idraulici, logisti e addetti alla segreteria sono i volontari provenienti da Campania, Umbria, Abruzzo, Toscana, Emilia Romagna, Liguria e Lombardia che in questo momento stanno operando in zona.

Nella giornata di ieri il modulo cucina è entrato a pieno regime distribuendo i pasti alla popolazione.

Norcia, continua l'assistenza alle comunità colpite dal terremoto

 


28 ottobre. È entrata a pieno regime il lavoro della cucina dei volontari Anpas a Norcia

 

I volontari Anpas al lavoro a Norcia


27 ottobre, ore 22. A Norcia i volontari stanno continuando a lavorare con l'allestimento della tensostruttura del modulo cucina. A Foligno con la preparazione dei letti per la notte.

Norcia Movimentazione tensostruttura


27 ottobre ore 18.30. Arrivato a Norcia il modulo cucina

Modulo cucina Anpas arrivato a Norcia


27 ottobre 2016, ore 15,30. Verrà impiegato a Norcia un modulo cucina con quaranta volontari Anpas completo di cucina tensostruttura, servizi, dispensa, tavoli e panche e capace di cucinare millecinquecento pasti ogni pasto. 

Terremoto Centro Italia 26 ottobre 2016


27 ottobre 2016 ore 14. Foligno, la riunione per la gestione delle risorse umane e mezzi. Sono già sul posto il responsabile Operativo Nazionale Egidio Pelagatti e alcuni referenti di Anpas Nazionale. Tutte le risorse (volontari ed attrezzature) vengono convogliati presso la sede della Protezione Civile Regione Umbria a Foligno per poi essere inviati al luogo di intervento.

Foligno: suddivisione risorse


27 ottobre 2016 ore 9. La preparazione dei materiali della colonna mobile nazionale del magazzino di Montopoli. 

Anpas Marche, ore 10 partenza del gruppo cucina, un pulmino disabili e di una ambulanza a disposizione della Regione Marche presso il campo di Pieve Torina (MC).

Terremoto Centro Italia 26 ottobre 2016


26 ottobre 2016. A seguito degli eventi sismici registrati da INGV in Centro Italia il 26 ottobre alle ore 19.10 e alle ore 21.18, Anpas ha attivato la sala operativa nazionale. In collaborazione con il sistema 118 locale, volontari e mezzi di soccorso delle pubbliche assistenze delle Marche stanno portando assistenza alle comunità colpite 

 

Le località prossime all’epicentro sono Castelsantangelo sul Nera, Visso, Ussita e Preci.

È attivo il numero verde 800.840.840 del Dipartimento della Protezione Civile che fornisce informazioni in base agli aggiornamenti del Comitato Operativo riunito nella sede del Dipartimento della Protezione Civile e la sala operativa della Protezione civile Lazio è 803555, la sala operativa regionale unica Regione Umbria 0742630777

Visto il ripetersi delle scosse, Anpas ricorda le buone pratiche di protezione civile della campagna Io non rischio da adottare dopo un terremoto

  • Assicurati dello stato di salute delle persone attorno a te e, se necessario, presta i primi soccorsi.
  • Prima di uscire chiudi gas, acqua e luce e indossa le scarpe.
  • Uscendo, evita l’ascensore e fai attenzione alle scale, che potrebbero essere danneggiate.
  • Una volta fuori, mantieni un atteggiamento prudente.
  • Se sei in una zona a rischio maremoto, allontanati dalla spiaggia e raggiungi un posto elevato.
  • Limita, per quanto possibile, l’uso del telefono.
  • Limita l’uso dell’auto per evitare di intralciare il passaggio dei mezzi di soccorso.
  • Raggiungi le aree di attesa previste dal Piano di emergenza comunale.

La campagna Io non rischio

Anpas ricorda le buone pratiche Io non rischio in caso di terremoto una campagna di comunicazione nazionale sulle buone pratiche di protezione civile. 

 

0
0
0
s2sdefault

Su questo sito usiamo cookies per migliorare la tua esperienza di navigazione. Questi cookies sono essenziali per le funzionalità del sito. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy. I accept cookies from this site.