Cerca

Cerca
Close this search box.

21 marzo 2017, la Giornata della Memoria. Il tema sarà “Luoghi di speranza, testimoni di bellezza”.

“Non poteva esserci luogo più indicato che la Locride per questa giornata. Questa è una terra che ha sofferto e soffre. Questa terra è ancora bagnata di sangue e la Chiesa non può che stare vicino a chi soffre, ai familiari delle vittime innocenti. La Locride piange ancora i suoi figli”. Così ha aperto la conferenza stampa Monsignor Francesco Oliva, vescovo di Locri-Gerace, nel Centro Pastorale presso la Chiesa Cattedrale di Locri, dove sabato 21 gennaio è stata presentata la XXII Giornata della memoria e dell’impegno in ricordo delle vittime innocenti delle mafie, promossa da Libera e Avviso Pubblico in collaborazione con la Rai, che quest’anno si svolgerà martedì 21 marzo 2017 a Locri.

Locri 21 marzo 2017

Luoghi di speranza, testimoni di bellezza” è il tema che accompagnerà la giornata, la cui “piazza” principale sarà Locri, ma che si svolgerà, simultaneamente,in oltre 4000 luoghi diffusi in ogni parte d’Italia e in alcuni luoghi dell’Europa e dell’ America Latina, dove la Giornata verrà vissuta attraverso la lettura dei nomi delle vittime con momenti di riflessione e approfondimento.

 

 

Elsa Fulgenzi, Anpas “Ribadiamo la nostra adesione a Libera. Come Anpas riteniamo importante la giornata della memoria e importante che sia riconosciuta dal parlamento come giorno della memoria e tutti gli anni questa giornata sarà istituzionale per non dimenticare le vittime di mafia. Lo slogan di quest’anno “Luoghi di speranza, testimoni di bellezza” ricorda anche il valore delle pubbliche assistenze come luoghi di speranza visto che presidiano sono luoghi di speranza per giustizia sociale, e impegno costante in favore della legalità e memoria civile”.

Un impegno che ha coinvolto anche altre regioni. Il 23 marzo ore 16 presso il Centro Ludico Via Dafne a Saponara la proiezione del film “La mafia uccide solo d’estate” e Intervento di Libera

Locri 21 marzo 2017


Anpas e Libera 

Il fatto di essere “pubbliche” assistenze impone alle associazioni e ai volontari aderenti ad Anpas di “sollecitare le Istituzioni nel promuovere azioni e comportamenti coerenti rivolti ai guasti della società (Carta d’Identità Anpas).  Per questo Anpas ha aderito a “Libera. associazioni, nomi e numeri contro le mafie” con l’obiettivo, comune di sollecitare la società civile nella lotta alle mafie e promuovere legalità e giustizia.

Torna in alto