Cerca

Cerca
Close this search box.

Sogni e vai, realizzare gli ultimi desideri
Progetto della Caritas e della Croce Bianca per persone gravemente malate

Ogni persona ha desideri e sogni che vorrebbe realizzare nel corso della propria vita. A chi è gravemente malato, spesso, non rimane molto tempo per esaudirli. Parenti e operatori sanitari, inoltre, si ritrovano senza mezzi né possibilità per realizzare i sogni dei malati gravi. Dal primo gennaio, per la prima volta in Alto Adige, sarà possibile portare gratuitamente malati gravi nei posti da loro desiderati, grazie all’accompagnamento dei volontari della Croce Bianca e del servizio Hospice della Caritas. 

 

“Entrambe le organizzazioni, sia la Croce Bianca che la Caritas, lavorano da anni con persone gravemente malate: il servizio Hospice della Caritas accompagnandole nell’ultima fase della loro vita, la Croce Bianca effettuando per loro trasporti. Da ciò è nata l’idea di coniugare la professionalità e l’esperienza di entrambe le organizzazioni per fare qualcosa in favore delle persone che si ritrovano in questa difficile situazione” spiega così come è nata l’idea di questo progetto Barbara Siri, presidente della Croce Bianca. Le due organizzazioni hanno iniziato a collaborare un anno fa, studiando insieme il progetto “Wünschewagen” già attivo in Germania da anni. “Siamo tornati pieni di entusiasmo e con l’obiettivo di offrire anche in Alto Adige qualcosa del genere” dice Reinhard Mahlknecht, vicedirettore e responsabile del progetto “Wünschewagen – Sogni e vai” in Croce Bianca.

Bolzano, Sogni e vai: i volontari della Croce Bianca per realizzare i desideri delle persone malate

“Questo progetto realizza desideri che sono di grande importanza per le persone: visitare un posto amato per un’ultima volta, vedere una persona cara o un amico lontano e molto altro ancora. Quello che per una persona in salute non rappresenta un grande problema, per una persona malata, i suoi familiari e operatori sanitari, spesso è invece un ostacolo insormontabile. Come può un malato ritornare in un posto tanto importante per lui in condizioni di sicurezza, accompagnato in modo umano e professionale? Un posto che lo fa sentire ancora parte della vita, di quella vita che ancora ama e vuole vivere appieno?” dice Paolo Valente, direttore della Caritas, spiegando il significato e il perché di questa iniziativa.

Ivo Bonamico, direttore della Croce Bianca, spiega come e chi può fare uso dell’ambulanza e del progetto “Sogni e vai”: “Il progetto vuole esaudire i desideri di persone gravemente malate o morenti di tutte le età. Assieme ai propri cari potranno usufruire gratuitamente una volta, e nell’arco di una giornata, del servizio. La Croce Bianca e la Caritas coprono i costi dell’ambulanza e garantiscono l’operatività con fondi propri. Per la realizzazione dei desideri e dei viaggi il progetto deve ricorrere tuttavia a donazioni e sostegno finanziario esterno”, afferma Bonamico. L’azienda Nordwal di Ora è, per esempio, già nella lista dei sostenitori del progetto “Sogni e vai”. Il titolare Raimund Ausserhofer ne è entusiasta e incoraggia i suoi colleghi a finanziare questo progetto unico nel suo genere.

Bolzano, Sogni e vai: i volontari della Croce Bianca per realizzare i desideri delle persone malate

I nostri passeggeri speciali sono accompagnati da un team di specialisti con competenze medico-infermieristiche e abituati a rapportarsi e stare insieme a persone gravemente malate e morenti. Noi del servizio Hospice abbiamo organizzato nelle ultime settimane un’apposita formazione per i nostri volontari che desiderano impegnarsi nel progetto “Sogni e vai”, per rendere i viaggi i più sicuri, confortevoli e umani possibile” afferma Günther Rederlechner, responsabile del servizio Hospice della Caritas. “I parenti dei malati o persino le strutture mediche spesso non se la sentono di organizzare questi ultimi grandi viaggi perché non si sentono all’altezza della situazione. In questo frangente la collaborazione tra i sanitari della Croce Bianca e i volontari Caritas del servizio Hospice è di fondamentale importanza”, dice Rederlechner. C’è un altro aspetto positivo: “La realizzazione di un ultimo desiderio rende l’elaborazione del dolore e del lutto più sopportabile”.

Per “Sogni e vai” è stata appositamente progettata un’ambulanza e la relativa veste grafica, grazie anche all’aiuto della Gruppe GUT. Come già detto, il viaggio per realizzare l’ultimo desiderio è totalmente gratuito, è quindi ben accetta ogni donazione e/o supporto a lungo termine. Chiunque desideri utilizzare l’ambulanza può chiamare il numero tel. 0471 444 555 o visitare il sito www.wuenschewagen.it (www.sognievai.it ).

Bolzano 14 dicembre 2017

Bolzano, Sogni e vai: i volontari della Croce Bianca per realizzare i desideri delle persone malate

Torna in alto