Cerca

Cerca
Close this search box.

Screening Days: 25 marzo alle ore 11 al Palazzo Sersale di CosenzaCosenza Screening Day

Il progetto, proposto dall’associazione Nuova Croce Azzurra di Cosenza, finanziato dalla Fondazione CON IL SUD, verrà svolto in collaborazione con le pubbliche assistenze Anpas A.S.P.A, AVAS Presila e Croce Verde Silana, LILT Lega Italiana Lotta Tumori Cosenza e con la collaborazione delle associazioni ASI associazione Sociologi Italiani, ASIT (associazione Sud Italia Trapianti) Cosenza e ATC (associazione Tumori Calabria) di S. Marco Argentano (CS). Sarà presente il vicepresidente di Anpas Carlo Castellucci.

Perché uno screening day. Le malattie cardiovascolari, tumori, patologie respiratorie croniche e diabete costituiscono, a livello mondiale, il principale problema di sanità pubblica: sono la prima causa di mortalità e il loro impatto provoca danni umani, sociali ed economici elevati che potrebbero essere evitati, nell’80% dei casi, attraverso un’attenta fase di prevenzione. In favore della popolazione verranno messe in atto una serie di attività di prevenzione primaria (attività di comunicazione utili a favorire corretti stili di vita, sana alimentazione e attività fisica) e secondaria attraverso centinaia di test effettuati gratuitamente nei comuni che vorranno aderire all’iniziativa. Il progetto sarà anche l’occasione per ricordare l’importanza della donazione degli organi e interesserà vari comuni della provincia di Cosenza.

Castellucci “Anpas  un  “punto di riferimento in Calabria per la prevenzione”. “Il programma che andremo a presentare è ambizioso e, allo stesso tempo, altamente meritorio dal punto di vista dell’impatto sociale, ma anche completo ed innovativo poiché mai attuato con un dispiego di mezzi e risorse umane coni ingente, pensato per intensificare l’azione della nostra Rete sul territorio, rendere attrattivo l’agire volontario e valorizzare l’azione delle nostre associazioni, risorse troppo spesso lasciate al loro destino, sottovalutate e troppo poco apprezzate” dice Carlo Castellucci, vicepresidente Anpas Nazionale. “Solo associazioni che collaborano da tempo (quattro di esse fanno parte di Anpas) e si sono spese sul territorio cosentino e nazionale nel soccorrere vittime di malori o traumi, assistere, accudire e curare malati e disabili, possono comprendere l’importanza che la prevenzione sanitaria ha, sia in termini di prevenzione primaria che secondaria, nell’allontanamento dei fattori di rischio, sulla tempestività della diagnosi e sul contenimento della spesa sanitaria”.

Torna in alto