Cerca

Cerca
Close this search box.

La Croce d’oro di Prato, sezione Montale, e il “Il giardino dei semplici”

  
     

 

13 novembre – I ragazzi de “Il Giardino dei Semplici” sono persone speciali. Chi scrive poesie, che ama ballare, chi ama molto mangiare ma hanno tutti una cosa in comune: hanno una vita difficile. Oggi per le persone che hanno difficoltà non c’è più molto posto, né nelle famiglie né tanto meno nel mondo del lavoro. Il nostro mondo è diventato povero, povero di denaro ma soprattutto di umanità. Anni addietro, questi ragazzi avrebbero trovato una loro collocazione, o in una parrocchia, o in un circolo, o in una cooperativa. Oggi no. Le famiglie si disgregano ed i legami familiari che spesso erano un sostegno per i più deboli, svaniscono.
Paolo, Alessio, Jonathan, Cristina, e tutti gli altri che non hai visto nel video hanno cercato appoggio nella nostra associazione, che ha creato per loro lo spazio del “Giardino dei Semplici”, grazie all’aiuto del Cesvot , di sponsor privati, di amici. 
Ma abbiamo bisogno del tuo aiuto, perché le risorse si stanno esaurendo, e non c’è niente di più terribile che aver sostenuto i ragazzi e le famiglie per 5 anni e dover dire loro “Scusate, dobbiamo chiudere”. Sarebbe una sconfitta, e noi non la vogliamo. Non per noi, che continueremmo bene o male con le nostre vite. Ma per loro, che di possibilità non ne hanno.
“Un mondo viola” serve anche per cambiare: abbiamo coltivato pomodori, peperoni, querce, piante aromatiche. Ma i ragazzi si annoiano, la ripetizione non dà loro sicurezza, anzi, li allontana. Così abbiamo pensato di cambiare. La lavanda è una pianta versatile, con la quale si possono fare moltissime cose, e vorremmo che i ragazzi diventassero loro stessi “insegnanti” dell’essiccazione, dell’estrazione del profumo, della realizzazione di pacchettini profumati e bomboniere. Coinvolgendo gli anziani soli, ad esempio. O le persone che hanno perso il lavoro.

Ricompense. Per tutti coloro che ci aiuteranno a raggiungere la cifra di 3750 euro che ci è necessaria per proseguire il progetto, i ringraziamenti saranno i seguenti: – da 0 a 10 euro 
Bigliettino di ringraziamento fatto dai ragazzi al profumo di lavanda.

· – da 10 a 25 euro
Bigliettino di ringraziamento fatto dai ragazzi al profumo di lavanda.
 Un sacchettino di fiori di lavanda
  – da 25 a 50 euro
Bigliettino di ringraziamento fatto dai ragazzi al profumo di lavanda.
 Una confezione di sapone 
Un barattolino di miele

· -da 50 a 100 euro 
Bigliettino di ringraziamento fatto dai ragazzi al profumo di lavanda.
Un cestino di vimini (confezione regalo) che contiene:
Un sacchettino di fiori di lavanda
Una confezione di sapone
Un barattolo di miele Traguardo:
 3750 euro  

Sosteniamo il progetto su Eppela QUI

#unmondoviola

Un mondo viola

Un progetto che nasce con la volontà di intervenire su casi di ragazzi portatori di handicap sviluppando un percorso per aumentare la loro autonomia, e prende vita dalla necessità di seguire in modo adeguato queste persone che gravitano all’interno della nostra associazione ma che, per mancanza di specifiche professionalità, non possono essere adeguatamente stimolati. Nasce così l’idea di questo percorso graduale di inserimento che prevede la realizzazione di un giardino botanico chiamato “Il Giardino dei Semplici” come venivano indicate negli orti dei conventi le aree di coltivazione delle erbe per la cucina.

Sosteniamo il progetto su Eppela QUI

#unmondoviola

 

 


Sosteniamo il progetto su Eppela QUI

#unmondoviola

 

Vorremmo realizzare un vivaio di querce dove i neo genitori di ogni nazionalità possano venire a prendere l’albero che avrà il nome del loro bambino e piantarlo nel loro giardino o in aree apposite individuate dai Comuni partecipanti o da privati coinvolti. 

Il progetto prende spunto dalla teoria dell’Horticultural Therapy che sostiene che ” Creare un’atmosfera di tranquillità, di reciproca accettazione e sostegno, poter scegliere il momento giusto per far interagire con gli altri persone con difficoltà relazionali è elemento essenziale di qualsiasi progetto di riabilitazione e reinserimento. In particolare il sostegno fra pari appare un potente fattore terapeutico che permette di superare le diffidenze.Tale sostegno non sempre passa attraverso la parola ma si rende esplicito molto più efficacemente con lo stare insieme, occupati in attività poco stressanti che permettono contemporaneamente aspetti facilitatori di una riorganizzazione del sé. In tal senso si è deciso di applicare l’ L’Horticultural Therapy quale metodo riabilitativo non traumatico per i pazienti con problemi di salute mentale (da Servizio Psichiatrico  Diagnosi e Cura dell’Ospedale Grassi di Ostia Dipartimento Salute Mentale”

 

 

www.crocedoromontale.org

www.facebook.com/pages/Croce-doro-Prato-Sezione-di-Montale/347880665262302?fref=ts

www.crocedoroprato1905.org

www.facebook.com/pages/Il-Giardino-dei-Semplici/499430850124537


Torna in alto