Cerca

Cerca
Close this search box.

L’associazione Anpas Novara Soccorso organizza per sabato 30 settembre una giornata di apertura al pubblico della propria sede di via Rizzottaglia 19 a Novara.

L’intento è quello di diffondere tra la cittadinanza le culture della prevenzione e del primo soccorso. Un modo per far conoscere da vicino le attività della pubblica assistenza e promuovere la ricerca di nuovi volontari.

Il 30 settembre, dalle ore 9 alle 18, si potrà visitare la sede di Novara Soccorso, i volontari saranno a disposizione per fornire informazioni sui servizi dell’associazione: dall’uscita in emergenza con l’ambulanza ai trasporti di tipo ordinario come per le dialisi e le terapie, dai servizi di accompagnamento per visite, anche con mezzi attrezzati al trasporto disabili, all’assistenza sanitaria a eventi e manifestazioni.
Si potrà assistere inoltre a dimostrazioni di primo soccorso a cura degli istruttori della pubblica assistenza e sarà possibile provare direttamente le manovre salvavita attraverso l’utilizzo di manichini.
Le informazioni fornite riguarderanno anche il nuovo corso gratuito per diventare volontari soccorritori ed entrare a far parte dell’associazione. Si tratta di una formazione riconosciuta e certificata dalla Regione Piemonte secondo lo standard formativo regionale.

Il presidente di Novara Soccorso, Stefano Noè: «La nostra pubblica assistenza ha aumentato, negli ultimi mesi, l’impegno nel soccorso di emergenza urgenza garantendo la copertura 24 ore su 24 di una postazione del 118 su Novara e territorio limitrofo. Cerchiamo quindi nuovi volontari e invitiamo a partecipare numerosi, il 3 ottobre alle ore 21, alla serata di presentazione del corso per diventare soccorritori».

Novara Soccorso, pubblica assistenza aderente all’Anpas, nel 2018 festeggerà i vent’anni di fondazione. Oggi può contare sull’impegno di 90 volontari, di cui 34 donne, grazie ai quali ogni anno svolge circa 13mila servizi. Novara Soccorso dispone di sette ambulanze, due mezzi per il trasporto disabili e due mezzi per servizi socio sanitari.

Torna in alto