Cerca

Cerca
Close this search box.

 

Team affiatati della Croce Bianca sostengono anche quest’anno la Croce Rossa bavarese all‘Oktoberfest, per assistere i pazienti di lingua italiana che prenderanno alla tradizionale festa della birra.

Più di 20 volontari della Croce Bianca sono destinati a prestare servizio nei tre fine settimana durante l‘Oktoberfest. Essi sono in prima linea nell’assistenza agli ospiti italiani, che qualche volta non parlano l’inglese o il tedesco, nei punti di soccorso predisposti dalla Croce Bianca di Bolzano presso i  “Theresienwiese” di Monaco. 

L’intervento dei sanitari della Croce Bianca è particolarmente gradito all’Oktoberfest Bavarese, proprio per il loro bilinguismo. Intervento divenuto ormai tradizionale. Il servizio dei volontari si ripete infatti ormai già da otto anni presso i luoghi della festa. 

Con la Croce Rossa bavarese, sottolinea il direttore della Croce Bianca Dott. Ivo Bonamico, abbiamo stretto una solida amicizia già da anni.

Questo scambio per la Croce Bianca è sempre un occasione, molto gradita, anche per condividere le reciproche conoscenze e consolidare le amicizie comuni. La collaborazione dei volontari altoatesini è molto apprezzata dai nostri amici bavaresi.

 

Nei fine settimana all’Oktoberfest è previsto un servizio di traduzione per i pazienti

italiani:

• Sabato: dalle 9.00 fino al termine del servizio (ore 1.30 ~)

• Domenica: dalle 9.00 alle 18.00

• Ultimo venerdì di festa dalle 12.00 fino alla chiusura.

La Croce Bianca di Bolzano all'assistenza dell’Oktoberfest 

 

 

“I Comuni, specialmente i piccoli sono deficienti di personale che possa essere adibito in casi di epidemia e calamità pubbliche. Venendo il bisogno, si reclutano cittadini che generosamente e con entusiamo si prestano, ma essendo privi di ogni istruzione, non recano quel beneficio , quell’aiuto pratico che si prefiggono. Le pubbliche assistenze dovrebbero avere una squadra di militi istruiti sul modo di eseguire le disinfezini, estinguere incendi, costruire lazzaretti ecc., esempre a disposizione dei sindaci e degli ufficiali sanitari. In tal modo le associazioni di  pubblica asssistenza potrebbero essere veramente utili a questi pubblici servizi”
Congresso pubbliche assistenze di Viareggio, 1899


 
 
 
 
Torna in alto