Cerca

Cerca
Close this search box.

Pisa: libertà per il popolo Saharawi, guerra, pace e contro la mafia

 

16 luglio 2017 – Si è svolto sabato 15 luglio 2017 a Pisa il convegno “Parliamo di libertà per il popolo Saharawi…. di guerra, di pace….. e di mafie”, organizzato nell’ambito della propria festa annuale in collaborazione con il “Gruppo Solidarietà Internazionale” di Anpas Toscana. 

 

Saharawi

Nel corso della serata, dopo la lettura della lettera inviata dal Senatore Stefano Vaccari (da ultimo impossibilitato a partecipare), invitato in qualità di Presidente Intergruppo Camera-Senato di solidarietà con il popolo Saharawi e membro dellla Commissione bicamerale Antimafia, è stato trasmesso il reportage da Mosul liberata dall’Isis.
Il tema del rilancio del sostegno alla R.A.S.D. (Repubblica Araba Saharawi Democratica) e alla causa Saharawi per l’autodeterminazione ha avuto particolare centralità, anche per la presenza di circa 30 bambini provenienti dal deserto algerino (in cui vive esiliato da 42 anni il loro popolo a seguito dell’occupazione del Sahara Occidentale da parte del Regno del Marocco), ospiti di numerose associazioni delle zone di Livorno, Cascina e Pisa-S. Giuliano (di questa città è intervenuto il Vicesindaco Franco Marchetti).

Benedetto Randazzo

Commovente il saluto ad Abdallahe e Kandoud, che si sono avvicendati come rappresentanti toscani della RASD dopo il trasferimento del primo alla carica di vice console in Colombia per i Saharawi. Altrettanto emozionante il ricordo fatto da Nadia Conti e Graziano Pacini di Mia Froelicher (ex dipendente Anpas Toscana molto impegnata e conosciuta tra i Saharawi). Importante il saluto di Giorgio Savini dell’associazione Urria anche a nome del Coordinamento toscano Pro-Saharawi.
Contro la mafia. Grande interesse ha suscitato il racconto di Benedetto Randazzo, amico d’infanzia di Peppino Impastato ucciso dalla mafia siciliana il 9 maggio 1978, e particolare emozione si è provata quando è giunto in diretta il saluto telefonico da Cinisi di Giovanni Impastato, fratello di Peppino, che ha annunciato l’uscita di un suo nuovo libro “Oltre i cento passi” dopo quello “Resistere a mafiopoli” con la storia del fratello.

Marchetti e Nardini

La Consigliera regionale Toscana Alessandra Nardini, raccogliendo con piacere lo stimolo del volontariato emerso con chiarezza dagli intervenuti, ha concluso i lavori con l’impegno di fare da tramite tra le varie istituzioni e lo stesso Senatore Vaccari (nell’occasione rappresentato dalla collaboratrice Francesca Socci), soprattutto per rilanciare l’iniziativa politica per l’autodeterminazione del popolo Saharawi (referendum e diritti umani in particolare) e, sul versante mafia, l’impegno a favorire il miglior riutilizzo pubblico dei beni confiscati (molti presenti anche in Toscana), a partire dal completamento dell’iter per l’acquisto e la ristrutturazione del casolare nei comune di Cinisi dove è stato ucciso Peppino Impastato.
Il saluto con i bambini Saharawi e i loro accompagnatori, offerto dalla pubblica assistenza di Pisa e dalla zona pisana Anpas Toscana, ha chiuso la serata.

 

Graziano Pacini

Torna in alto