Cerca

Cerca
Close this search box.

Si è lavorato a Paestum per ingentilire i cuori: il secondo modulo del progetto REN

29 aprile. Si è concluso ieri  a Paestum il secondo modulo del corso di formazione nell’ambito del progetto REN, realizzato da Anpas con il sostegno con Fondazione con il Sud.

Il corso ha visto l’intervento  con un intervento del presidente nazionale Anpas Fausto Casini sull’importanza della progettazione sociale e l’importanza del progetto REN nella capacitazione delle associazioni sul territorio.

I 40 partecipanti provenienti dalle quattro regioni del progetto (Sardegna, Sicilia, Campania, Puglia) sono stati suddivisi in due gruppi di lavoro con il supporto di Samuele Pezzuolo (tutor) e la segreteria di Anpas. Hanno partecipato però anche altri volontari provenienti da altre regioni

Con Roberto Porciello, formatore del laboratorio di Ricerca Azione,  diciannove corsisti hanno approfondito le metodologie della ricerca sociale, il piano di ricerca.

Con Aurelio Dugoni e Lucia Colonna si sono occupati della formazione per i referenti progettazione sociale con ventisette partecipanti. 

L’intervento finale di Andrea Gagliardi, presidente del comitato regionale Anpas Campania.

REN: i secondo appuntamento

 

La fotogallery

  
                       

 

 

 

 

REN

REN – Energie  un progetto Anpas, finanziato da Fondazione con il Sud.

Da Anpas Sardegna – Esperienze di formazione

Fondazione con il sud

Le esperienze di rete continuano. A febbraio è stato avviato il progetto REN – Esperienze in Rete, finanziato da Fondazione con il Sud nell’ambito del Bando Sostegno a Programmi e Reti di volontariato 2011, che per un anno farà proseguire l’esperienza di lavoro in rete ai comitati regionali di Campania, Puglia, Sardegna e Sicilia già avviata con il progetto Koinet – Reti e Sinergie a Sud, concluso nello stesso periodo.

REN, in particolare, intende consolidare l’operatività e l’azione della rete Anpas nelle regioni meridionali, attraverso la condivisione delle buone pratiche maturate e consolidate nei contesti operativi delle associazioni partecipanti e una più efficace e capillare presenza nei territori.


Torna in alto