Cerca

Cerca
Close this search box.

Tagli al 5 per mille

Aggiornamenti

21 dicembre – «I 300 milioni nel Milleproroghe»L’annuncio da parte del ministro Giulio Tremonti in occasione del brindisi fine anno con i giornalisti. Nel Milleproroghe ci saranno le risorse necessarie per finanziarie il 5 per mille. Lo ha assicurato il ministro dell’Economia, Giulio Tremonti, nel corso del brindisi di fine anno/Fonte Vita… continua a leggere sul portale www.vita.it


20 dicembre – Fonti governative confermano la presenza dei 300milioni mancanti sul provvedimento in discussione mercoledì Ultima chiamata per Giulio Tremonti. E per il 5 per mille. Dopo le promesse (tante e ripetute) da parte del governo e di esponenti della maggioranza, le ultime indiscrezioni concedono alla copertura di 300 milioni (attualmente ridotta a 100 milioni), un posticino nel decreto Milleproroghe in discussione al Consiglio dei Ministri di mercoledì 22 dicembre/fonte Vita. Continua a leggere sul portale www.vita.it

 


 

Il dossier del Redattore Sociale sulle erogazioni del 5 per mille

“5 per mille, come si divide la torta”: – 200 associazioni di volontariato, pari allo 0,75% delle 26.596 associazioni di volontariato aventi diritto riesce a portare a casa quasi il 73% delle erogazioni del 5 per mille, cioè i tre quarti della “torta”. E’ uno dei dati che emergono dal dossier realizzato da Redattore Sociale (aggiornato al 15 dicembre 2010), analizzando gli importi ricevuti nel 2008. E solo le prime 100 associazioni, pari al 37,5% del totale, percepiscono oltre due terzi del fondo disponibile (68,7%). Gli importi medi sono invece decisamente modesti: sempre nel 2008 la media generale è di 28,36 euro (nell’anno precedente era stato di 27,14 euro). Scarica il dossier / Fonte Redattore Sociale


Il video della manifestazione di Roma


La risposta di Anpas

“Confermata la strategia di contrasto alla cittadinanza attiva”

 

Firenze, 16 novembre 2010. Anpas (associazione Nazionale pubbliche assistenze) esprime la sua forte preoccupazione per la scelta del Governo di ridurre il gettito da destinare al 5 per mille a soli 100 milioni di euro con una riduzione del 75% rispetto all’anno precedente.

Secondo il Presidente nazionale Anpas Fausto Casini: “Il Governo con questa misura contraddice le continue affermazioni sulla sussidiarietà e sull’ascolto della volontà popolare e dimostra l’incapacità di utilizzare correttamente la pressione fiscale e, di conseguenza, le proprie responsabilità. Un Governo che afferma che non ci possiamo permettere il fondo sociale, misure di sussidiarietà fiscale, un numero adeguato di giovani in servizio civile volontario, con gravi conseguenze su economia, lavoro e servizi che questi generano, ha il dovere di spiegare la motivazione di questi tagli e gli eventuali beneficiari.”

La crisi politica che sta vivendo l’attuale maggioranza – conclude Casini – non fa venire meno la sua efficienza nell’attaccare i corpi intermedi dello Stato, tra cui il Volontariato che nel nostro Paese gode del 71% della fiducia dei cittadini (dati EURISPES 2009). Sarà invidia?

 

La nota su Facebook


Aderisci alle proteste!

IO NON CI STO – Anpas è tra le associazioni che promuovono la campagna “Io non ci sto“: aderisci anche tu e firma l’appello

 

Giurin Giuretta – la protesta del Forum del Terzo Settore, in collaborazione con Vita, per far diventare il 5 per mille una legge: firma l’appello 

 

 


 

Articoli correlati

LE RAGIONI DEL PRESIDIO – Comunicato del Forum del Terzo Settore

 

I tagli decisi dalla Legge di Stabilità di Bilancio 2011 appena approvata avranno pesanti ripercussioni sulle fasce più deboli del nostro Paese.
Il taglio di oltre il 66% delle risorse destinate alle politiche sociali – che dai circa 1500 milioni di euro del 2010 scendono per il 2011 a circa 550 – impediranno l’accesso ai servizi base di sostegno, cura, assistenza proprio a quelle persone che più ne hanno necessità.
E anche gli Enti Locali si troveranno privati delle risorse necessarie per fornire servizi minimi.
La riduzione del 75% delle risorse  destinate al 5×1000 tradisce le scelte dei cittadini.
Il Servizio Civile come diritto per i giovani di vivere un’esperienza di cittadinanza attiva viene praticamente azzerato.
Legge di Stabilità – afferma Andrea Olivero, portavoce del Forum del Terzo Settore – che sarebbe più opportuno definire d’instabilità, dal momento che contribuisce a minare alla base la coesione sociale del nostro Paese”.
“Questi sono i motivi che ci hanno portato a decidere il presidio davanti al Ministero dell’Economia: per chiedere che, a partire dal prossimo “mille proroghe” si assista ad un concreto cambiamento d’indirizzo che porti ad un aumento delle risorse destinate alle politiche sociali, nonché al ripristino di quelle previste per il 5×1000, e che quest’ultimo venga quanto prima stabilizzato”.

 

 

Il comunicato del Forum del Terzo Settore – “RIPRISTINATE IL 5 PER MILLE” COMUNICATO CONGIUNTO FORUM TERZO SETTORE, CONSULTA VOLONTARIATO, CONVOL, CSVNET – Roma, 3 dicembre 2010. A soli tre giorni dalla celebrazione della Giornata Internazionale del Volontariato e con l’imminente 2011, l’anno che la Commissione europea gli ha dedicato, le organizzazioni più rappresentative del mondo del volontariato si appellano ancora alle Istituzioni per ripristinare i fondi al 5 per mille… continua>>>

 

 

 


 

 

ALTRE INFO

Forum del Terzo SettoreVita

 


Le iniziative di Anpas contro i tagli

Tagli

 

 

Torna in alto