Cerca

Cerca
Close this search box.

L’intervento di Anpas (in aggiornamento)

Anpas Sicilia attiva la Sala Operativa Regionale

A seguito della scossa di terremoto registrata stamani alle ore 8.50 con magnitudo 4.3 e localizzatasui Monti Nebrodi con epicentro fra i comuni di San Teodoro, Cesarò e Maniace, Anpas Sicilia ha attivato in via precauzionale la Sala Operativa Regionale di Protezione Civile.

“Il fatto che non cisiano danni a cose e/o persone ci fa tirare un sospiro di sollievo, ma per precauzione restiamo inallerta per qualsiasi esigenza del territorio e della popolazione, che avendo avvertito la scossa piùviolenta potrebbe continuare ad avere paura per le scosse seguenti di entità minore – ha spiegato il presidente regionale di Anpas Sicilia, Lorenzo Colaleo -. In tal senso, le pubbliche assistenze siciliane proseguono il lavoro svolto in occasione del progetto “Terremoto – Io non rischio”, che punta a trasmettere alla cittadinanza le buone prassi per prevenire il terremoto e per affrontarloin sicurezza, evitando il panico”.

Tutte le informazioni utili sul rischio sismico in Italia e le buoneprassi in caso di terremoto disponibili sulla piattaforma www.ionorischio.it.

Terremoto io non rischio - Basilicata

 

COSA FARE IN CASO DI TERREMOTO

Durante il terremoto
• Se sei in luogo chiuso cerca riparo nel vano di una porta inserita in un muro portante (quelli più spessi) o sotto una trave.  Ti può proteggere da eventuali crolli
• Riparati sotto un tavolo.  E’ pericoloso stare vicino ai mobili, oggetti pesanti e vetri che potrebbero caderti addosso
• Non precipitarti verso le scale e non usare l’ascensore.  Talvolta le scale sono la parte più debole dell’edificio e l’ascensore può bloccarsi e impedirti di uscire
• Se sei in auto, non sostare in prossimità di ponti, di terreni franosi o di spiagge.  Potrebbero lesionarsi o crollare o essere investiti da onde di tsunami
• Se sei all’aperto, allontanati da costruzioni e linee elettriche.  Potrebbero crollare

• Stai lontano da impianti industriali e linee elettriche.  E’ possibile che si verifichino incidenti
• Stai lontano dai bordi dei laghi e dalle spiagge marine.  Si possono verificare onde di tsunami
• Evita di andare in giro a curiosare e raggiungi le aree di attesa individuate dal piano di emergenza comunale.  Bisogna evitare di avvicinarsi ai pericoli
• Evita di usare il telefono e l’automobile.  E’ necessario lasciare le linee telefoniche e le strade libere per non intralciare i soccorsi Dopo il terremoto

• Assicurati dello stato di salute delle persone attorno a te. Così aiuti chi si trova in difficoltà ed agevoli l’opera di soccorso
• Non cercare di muovere persone ferite gravemente.  Potresti aggravare le loro condizioni
• Esci con prudenza indossando le scarpe.  In strada potresti ferirti con vetri rotti e calcinacci
• Raggiungi uno spazio aperto, lontano da edifici e da strutture pericolanti.  Potrebbero caderti addosso

iononrischiohome

Prima del terremoto
• Informati sulla classificazione sismica del comune in cui risiedi.  Devi sapere quali norme adottare per le costruzioni, a chi fare riferimento e quali misure sono previste in caso di emergenza
• Informati su dove si trovano e su come si chiudono i rubinetti di gas, acqua e gli interruttori della luce.  Tali impianti potrebbero subire danni durante il terremoto

• Evita di tenere gli oggetti pesanti su mensole e scaffali particolarmente alti. Fissa al muro gli arredi più pesanti perché potrebbero caderti addosso

• Tieni in casa una cassetta di pronto soccorso, una torcia elettrica, una radio a pile, un estintore ed assicurati che ogni componente della famiglia sappia dove sono riposti

• A scuola o sul luogo di lavoro informati se è stato predisposto un piano di emergenza.  Perché seguendo le istruzioni puoi collaborare alla gestione dell’emergenza


Terremoto: io non rischio

Clicca per ulteriori descrizioni dell’iniziatva promossa da Protezione Civile e Anpas, in collaborazione con INGV e ReLUIS (Consorzio della Rete dei Laboratori Universitari di Ingegneria Sismica).

Scarica il materiale di “Terremoto-Io non rischio”, prodotto nell’ambito del progetto Edurisk con la collaborazione di Giunti Progetti Educativi:


La pagina in inglese

{loadposition acaso}

Torna in alto